Si chiude con il sorriso la due giorni di test in quel di Jerez per Leon Haslam, nonostante la classifica odierna releghi l’inglese ad un secondo e mezzo dalla vetta. Leon dal canto suo si disinteressa della cosa, conscio del tipo di lavoro svolto e dei progress ottenuti.

"In questi due giorni abbiano analizzato tutto il materiale utilizzato nella stagione da poco conclusa – spiega Leon - cosa non facile da fare durante la stagione, viste le tante gare ravvicinate. Abbiamo compiuto dei passi avanti in alcune aree. Anche oggi non ho cercato la prestazione pura, a differenza di altri, ma nonostante questo sono contento di quanto ottenuto con la gomma da gara”.

"Prima di chiedere novità dobbiamo capire tutto ciò che già abbiamo"


Haslam non chiede a gran voce novità: la CBR infatti resta un mondo in parte da scoprire sia per lui che per Bautista, e con un potenziale ancora tutto da esibire.

“Prima di chiedere nuove parti dobbiamo avere una visione chiara di tutto quello che già abbiamo, e in questi test siamo andati in questa direzione. Il pacchetto è senza dubbio buono, come alcuni risultati hanno dimostrato, e riuscire a mettere al loro posto tutti i pezzi del puzzle ci consentirebbe di fare già un grosso passo avanti”.

Il portacolori di Iwata guarda con speranza alla prossima stagione, e promette grandi miglioramenti. 

“Il prossimo anno non partiremo da zero, avremo una base, che unita ad alcune novità potrebbe permetterci di compiere ulteriori miglioramenti. Nelle corse è difficile migliorare sensibilmente, ma credo che io ed il team abbiamo davvero la possibilità di farlo”.

Test SBK Jerez: le prime immagini della nuova Kawasaki ZX-10RR 2021