Un nebbione micidiale, nel quale non si vedeva da un palmo di naso, ha fermato il lavoro di KRT, squadra Kawasaki impegnata al Motorland di Aragòn nella preparazione della stagione 2021. Se ieri il freddo non ha infastidito più di tanto, oggi la situazione era improponibile. Ad un certo punto della giornata, nei pressi di Alcaniz sembrava di essere nelle campagne di Lodi a gennaio o, addirittura, lo scenario somigliava alle spianate londinesi.

Il programma è stato, di conseguenza, fermato. Però, il team Provec è quello che in SBK ha girato di più ed i piloti sono comunque soddisfatti.

A partire dal sei volte campione, contento di poter disporre di una Ninja inedita e assolutamente performante. Il Cannibale ha preso con filosofia la rinuncia di oggi: “Troppa nebbia - ha detto Johnny - però siamo contenti di come stia andando avanti il nostro lavoro di test invernali. È stato bello risultare così veloci dopo l’ultimo round dell’Estoril e le prime impressioni sulla nuova ZX-10RR sono già positive. Siamo stati rapidi e consistenti giro dopo giro".

Per il nordirlandese è tempo di meritate vacanze, anche perché tra non molto inizierò il periodo natalizio: "Adesso andrò a casa e staro con la mia famiglia - conferma - la stessa cosa verrà fatta dai membri della squadra. Voglio ringraziare tutti per l’immenso impegno profuso durante la stagione, nella fase invernale. Abbiamo affrontato le difficoltà nel modo giusto, adesso ricaricheremo le batterie per essere pronti nel 2021”.

Nel garage verde, pure Lowes ha lasciato il motore spento. Il numero 22 si è impegnato parecchio quest’anno e, dopo una breve pausa, arriverà nel 2021 pronto alla sfida:Sfortunatamente il meteo non è stato nostro amico oggi - le parole di Alex - però tra le prove di Jerez della scorsa settimana e la giornata di ieri qui ad Aragòn, devo dire che sappiamo in quali aree stiamo lavorando e lo facciamo bene. Si sono rivelati ottimi test, adesso andrò a rilassarmi un po’. L’obiettivo è arrivare carico nel 2021, sapendo di contare su un lavoro davvero proficuo insieme al team”.

Joan Mir rispetta Marc Marquez, ma pensa che egli abbia fallito