Nell'aria da mesi, adesso anche su fogli di carta bianca, con tanto di firme notificate: Chaz Davies ed il team Go Eleven hanno raggiunto un accordo che li vedrà insieme nella futura SBK, quella 2021. Tra il pilota gallese e la squadra di Gianni Ramello nasce una collaborazione che potrebbe essere tra le più proficue, perlomeno nell'ambito delle squadre indipendenti.

Campione tra le strutture "non ufficiali", la formazione piemontese, capitanata da Denis Sacchetti, dovrà difendere il titolo di sottocategoria vinto con Michael Ruben Rinaldi, poi passato a Ducati Aruba. In pratica, vi è stato uno scambio di pedine: l'italiano avrà investitura ufficiale, il britannico... quasi, perché da Borgo Panigale arriverà materiale aggiornato, di round in round.

Inoltre, a seguire il numero 7, occhi di gran dal reparto corse, per un corridore esperto, veloce e capace di vincere due gare nel 2020, con l'aggiunta di ulteriori sette arrivi a podio. La moto sarà ancora una V4 R, ben conosciuta da Chaz, perché è la versione Factory usata quest'annno. Lui non avrà - in questo caso - l'incombenza di portarne avanti lo sviluppo, pensando "solo" a dover dare gas.

Effetto catena: Barni, Motocorsa e Brixx in dirittura d'arrivo


Gli altri team satellite dovranno ora completare i propri ranghi. Arriverà o no dalla MotoGP Esteve Rabat? Se Tito accetta l'idea SBK, il posto in Barni ci sarebbe, sempre che Loris Baz non l'abbia preceduto. Il Motocorsa di Lorenzo Mauri è orientato su Axel Bassani, Brixx confermerà Sylvain Barrier, a cui potrebbe essere affiancato un compagno di box.

Sarà Cameron Beaubier il futuro campione del mondo proveniente dagli States?