L'inizio di stagione 2020 era stato buono per Maximilian Scheib. Nella per lui sconosciuta Phillip Island, il pilota sudamericano è stato in grado di centrare la zona punti in tutte e tre le corse programmate, arrivando addirittura settimo domenica pomeriggio, portando la Kawasaki Ninja del team Orelac ad un risultato (forse) inatteso, trattandosi di una squadra indipendente. 

Dopo il lockdown, il ritorno in Europa è stato meno semplice del previsto. Nel caldo infernale di Jerez, solo un quindicesimo posto, mentre a Portimao il numero 77 non ha mosso la sua classifica. Ci si aspettavano ottime cose dalla doppia trasferta di Aragòn, ma proprio al Motorland abbiamo visto in azione per l'ultima volta il pilota cileno.

Una caduta ed un infortunio rimediato hanno tarpato le ali a Maxi, costretto al forfait nei restanti appuntamenti del campionato. A Barcellona, Magny - Cours ed Estorli si sono avvicendati diversi sostituti sulla ZX-10RR della squadra spagnola. 

Chi l'ha visto?


Ci chiedevamo, appunto, chi fine avesse fatto Scheib. Ecco la risposta, arrivata dai suoi profili social: la partecipazione al campionato nazionale Superbike, con una BMW S1000 RR del team MS7 Racing, squadra che metterà a disposizione del cileno una quattro cilindri tedesca.

Maxi, dotato di una guida spettacolare e spericolata, ha 25 anni, è quindi giovane. Sarebbe bello rivederlo nel mondiale ma, almeno per il momento, tutte le selle sono occupate. Anche l'argentino Tati Mercado è fuori dalla entry list SBK 2021, ma lui potrebbe fare qualche wild card durante la stagione. 

Otto ore di intervento chirurgico per Marc Marquez, il terzo dopo l'infortunio di Jerez