La stagione 2020 di Ana Carrasco si è conclusa in anticipo a causa di un brutto infortunio rimediato alla schiena, con la frattura alle vertebre D4 e D6, durante un test all’Estoril. La spagnola era stata così subito operata e dopo aver atteso il momento giusto e aver raggiunto un buono stato di forma fisica, è tornata in ospedale per rimuovere le viti presenti nel suo corpo.

Vista la buona evoluzione delle lesioni vertebrali l’operazione è stata svolta lo scorso martedì 12 gennaio. Se la TAC, che verrà eseguita tra una settimana, conferma il buono stato della frattura, e una volta guarita la ferita dell'intervento, Ana potrà svolgere la normale attività fisica in un paio di settimane. E tra un mese potrà tornare in moto. Così facendo, inizierà la stagione nel pieno delle sue condizioni fisiche.

La pilota del Kawasaki Provec WorldSSP300 è al settimo cielo: “Sono super felice, l'operazione è andata bene secondo i medici, voglio ringraziare tutto il team per il supporto degli ultimi mesi, e in particolare Albert, il nostro coordinatore medico, Santi il ??mio preparatore fisico e Joan Tao, il mio osteopata. Le tante ore che hanno dedicato alla mia salute stanno dando i loro frutti, ovviamente anche grazie al buon lavoro della D.ssa Ubierna e del Dr. Cáceres. Non vedo l’ora di salire sulla mia Ninja 400, sarò al 100% all'inizio della stagione”.

Esclusiva, Ana Carrasco: "Il processo di guarigione è più rapido del previsto"

La parola ai medici


I dottori hanno spiegato: “Martedì 12 gennaio abbiamo proceduto a fare un intervento per estrarre l'impianto in titanio inserito il 15 settembre. È stato deciso di fare l'intervento perché in una TAC abbiamo osservato che le lesioni erano già consolidate, abbiamo deciso di inserire ossa liofilizzate nei fori delle viti per velocizzare la rigenerazione ossea”. Tutto è andato secondo i piani: “L'intervento è andato molto bene, come da programma, la prossima settimana eseguiremo una TAC per confermare l'evoluzione. Se tutto va bene tra 15 giorni potrà allenarsi, una volta che la ferita sarà guarita dell'intervento, e in 15 giorni potrà guidare una moto”.

Tutto è pronto per il 2021


Carla Grau, team manager, ha aggiunto: “Ci arrivano notizie fantastiche dall'ospedale e dal team ICATME, Ana dovrebbe essere pronta in poche settimane. Da Kawasaki Provec vogliamo valorizzare la professionalità di Ana che ha lavorato religiosamente sul suo fisico per accelerare il più possibile la guarigione. Dal punto di vista progettuale non ci siamo fermati, abbiamo tutto pronto per la stagione 2021”. E ci sono anche delle novità: “Tutti i nostri sponsor hanno riconfermato il loro impegno per il progetto di Ana, anche in questa situazione di incertezza economica e con l'infortunio di mezzo, e diverse nuove società si sono aggiunte all'avventura 2021. Grazie mille a tutti, saremo più che pronti per la prima gara della stagione a fine aprile”.

SBK, Van Der Makr "perde i pezzi": rimossa la placca nel polso destro