Jerez de la Frontera si è svegliata questa mattina sotto la pioggia. Un inizio non proprio brillante, quindi, per i primi test SBK che si svolgeranno oggi e domani. Dal circuito andaluso, però, arrivano le prime interviste fatte dal nostro inviato Mirko Colombi che è andato al box Go Eleven per parlare con Denis Sacchetti.

L'entusiasmo frenato dalla pioggia


“Siamo tutti molto eccitati per questo inizio di campionato - ha detto Denis Sacchetti -. Siamo molto carichi perchè ci troviamo di fronte ad un'avventura nuova e importante che ci dà tantissimi stimoli”.

L'entusiasmo di Sacchetti per la stagione è però un po' stroncato da un inizio test con la pioggia: “Purtroppo sta piovendo - ha aggiunto - quindi non sappiamo se entreremo in pista, probabilmente no. Siamo però fortunati perchè Chaz Davies conosce la moto, dopo tanti anni che la guida, dopo la stagione scorsa non c'è dubbio che la moto la conosca bene sia con asfalto asciutto che bagnato. Per noi quindi non avrebbe senso. Se si trattava di un pilota che non conosceva la moto sarebbe stato diverso, sarebbe stato importante provare anche sul bagnato”.

SBK, Test Jerez: solo tre piloti in pista, dopo mezza giornata

“Davies il più forte”


Ecco quindi che Sacchetti non può che tessere le lodi del suo pilota: “Chaz ha avuto fino ad oggi una carriera incredibile, se guardiamo negli ultimi anni è stato diverse volte vice campione del mondo, terzo in campionato. Difficilmente è stato indietro in classifica. E' un top rider e io lo ritengo il più forte pilota del mondiale Superbike e il primo antagonista di Jonathan Rea. Penso che Chaz ha dimostrato di essere il pilota più costante degli ultimi sette anni, e di potersi giocare qualcosa di importante contro Rea e la Kawasaki”.

SBK: Davies-Go Eleven, una coppia che punta in alto

Team indipendente, moto ufficiale


Il Team Go Eleven che vede alla guida Gianni Ramello e Denis Sacchetti, in questo 2021 godrà del supporto di Ducati ufficiale: “Ducati ci sta dando un bel supporto sia dal punto di vista tecnico che umano - ha spiegato Sacchetti -. Posso dire che il capotecnico sarà Peter Jennings che viene da BMW, mentre il nostro ex capotecnico ha seguito Michael nel team ufficiale. Siamo un team indipendente e avremo in gestione delle moto uguali a quelle della squadra ufficiale, quindi moto factory sotto tutti gli aspetti.”

A questo punto, non resta che fissare l'obiettivo per il 2021: “L'obiettivo Ducati è battere tutti gli altri avversari e questo penso sia il primo scopo comune. Dall'altra parte ognuno guarda al suo orto e per noi il primo obiettivo sarà essere più forti dell'altra Ducati. L'importante è divertirsi, ci vuole questo per avere risultati, quando ti diverti hai anche risultati.”

SBK, test Jerez: Redding e Rinaldi ritrovano le Ducati Panigale V4