La seconda giornata di test Superbike a Jerez de la Frontera è iniziata nel segno del maltempo proprio come quella di ieri. Anche oggi, ad aver provato le moto sul circuito andaluso, sono stati pochi piloti, anzi soltanto due.

Gli altri, per il momento, hanno preferito restare al box ed è probabile che da qui a fine giornata non ci saranno importanti cambiamenti, anche se il collaudatore Ducati, Michele Pirro, si sta preparando a scendere in pista, per sondare il terreno.

I temerari della seconda giornata


Come ieri, i più temerari sono stati Leonardo Taccini sulla Kawasaki ZX-6R del team Orelac e Stefan Bradl, collaudatore Honda MotoGP. Se il primo ha voluto testare la moto con la quale farà il suo esordio nel Campionato Supersport, per Bradl è stato importante girare sulla RC213V per non sprecare neppure un giornata a disposizione.

I tempi che arrivano da Jerez, mostrano come il collaudatore Honda abbia portato a termine il suo giro più veloce in 1:49.821, mentre per Taccini, il best lap della mattina è stato fatto in 2:01.948.

SBK, Pirro: “Ducati può vincere con tutti i piloti”

Chi rimanda e chi ancora deve decidere


Con sole poche ore rimaste a disposizione per continuare a girare, c'è già chi come il team Kawasaki ha addirittura deciso di abbassare le saracinesche e rimandare tutto alla prossima settimana. Per Jonathan Rea e Alex Lowes i test in sella alla Kawasaki Ninja riprenderanno (anzi inizieranno) giovedì 28 gennaio.

E per gli altri team? Restare in Spagna per un'altra settimana potrebbe rivelarsi molto dispendioso e non è detto quindi che le altre squadre adottino la stessa strategia del team Kawasaki. In ogni caso si attendono ulteriori comunicazioni da parte delle squadre presenti a Jerez.

Quello che è certo, è che la scelta di non fare nemmeno un giro, come accaduto fino a questo momento, potrebbe essere dettata dalla volontà di non “sprecare” una giornata di test in condizioni non perfettamente ottimali, contingentando il tutto e sfruttando le giornate che restano per altre occasioni.

Pirelli, Barbier: “Ottimo il calendario SBK, sarà una stagione interessante”