Per Tito Rabat è finalmente arrivato il momento di fare la conoscenza della sua nuova compagna di giochi: la Ducati Panigale V4 R del Team Barni Racing, con cui il pilota spagnolo affronterà la stagione 2021 del Mondiale SBK.

Un cambio netto per Tito, che dopo 14 anni nel paddock della Motomondiale si ritrova catapultato nel mondo delle derivate di serie.

Un inizio positivo


L'accoglienza di Misano non è stata delle migliori: la nebbia ci ha messo lo zampino condizionando il lavoro della mattinata, ma Rabat non si è lasciato scoraggiare, cercando di trarre il meglio possibile dalla prima presa di contatto con la sua nuova Ducati.

"La mia prima impressione con la nuova squadra e la nuova moto è stata positiva. Se devo essere onesto - nonostante le condizioni meteo - oggi mi sono divertito molto a guidare e a provare alcune cose in sella", ha raccontato Tito a fine giornata.

Nonostante le condizioni atmosferiche, nella sua prima uscita da pilota del Team Barni, lo spagnolo è riuscito a completare una settantina di passaggi, iniziando a porre le basi per la sua nuova avventura con la Rossa tinta di nero.

"Ho potuto scoprire un po’ la Ducati Panigale V4 R, dove era il mio limite nel primo approccio e dove posso iniziare a lavorare - ha spiegato il 31 enne di Barcellona -. Per essere stato solo il primo passo non è andata male. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo test per continuare a migliorare, perché ho visto che possiamo essere competitivi"

SBK, Rinaldi: “Felice di essere tornato in sella, ora ho più voglia di prima”