Honda ha finalmente tolto i veli alle CBR1000RR-R SP con cui Alvaro Bautista e Leon Haslam andranno all'assalto del titolo 2021 nel mondiale Superbike, esteticamente molto simile a quella dello scorso anno, ma cambiata nella sostanza sotto diversi aspetti, come confermato dai piloti stessi e da Leon Camier, nuovo team manager della squadra.

Bautista: "Il feeling con la CBR è ottimo"


Lo spagnolo è reduce da una stagione 2020 di alti e bassi, in cui ha comunque riportato la Honda sul podio, alla prima stagione in sella alla moto della Casa di Tokyo. Quest'anno punterà in alto, potendo contare su un nuovo pacchetto tecnico.

"L'inverno è stato lungo, ma mi sono allenato duramente dal punto di vista fisico e sono diventato papà per la seconda volta, perciò non ho avuto tempo per annoiarmi", scherza lo spagnolo. "Il feeling con la CBR è ottimo e i test sono stati positivi. La moto è simile a quella dello scorso anno, ma migliore in ogni dettaglio, specialmente dal punto di vista elettronico. Ci sono tutti i presupposti per riportare la Honda alla vittoria".

SBK: HRC pronta per l'assalto al titolo, con Camier team manager

Haslam: "La Honda si adatterà bene ai nuovi circuiti"


Ottimista anche il pilota inglese, il quale si è detto pronto per la nuova stagione: "Mi sono allenato con il flat track a Barcellona per migliorare il controllo del mezzo e penso di poter migliorare le mie prestazioni rispetto al 2020. La moto è migliorata e la conosco meglio, perciò possiamo puntare a vincere almeno qualche gara".

"Quest'anno avremo anche dei nuovi circuiti in calendario, come Navarra e Mandalika. Ciò può essere un vantaggio per noi, perchè la Honda è una moto molto versatile che si potrà adattare bene e in fretta anche a piste mai viste prima", conclude il 37enne.

Che fine ha fatto: Aaron Slight