Finalmente, dopo aver dovuto saltare i precedenti test di Misano a causa della positività al Covid-19, Chaz Davies è potuto salire in sella alla Ducati Panigale V4-R del team Go Eleven in occasione della prima giornata di prove a Barcellona, chiusa con il nono tempo.

"Dopo diverso tempo senza poter salire su una moto, devo dire di essermi trovato immediatamente a mio agio con il mezzo e con la squadra. E' stato un primo approccio sorprendente e sono riuscito anche a far registrare dei tempi sul giro competitivi", ha spiegato il pilota gallese.

"C'è un'atmosfera diversa al box"


Dopo svariate stagioni da pilota ufficiale, Chaz ha potuto riscoprire l'ambiente di un team satellite come quello piemontese: "Mi piace molto l'atmosfera che c'è all'interno del box. E' molto diversa rispetto a quella a cui ero abituato, ma non è un fattore negativo. Sono circondato da persone volenterose e molto appassionate, pronte ad ascoltare tutto ciò che ho da dire per rendere la moto vincente".

Una delle figure su cui Davies non potrà più contare sarà Leon Camier, da quest'anno team manager del team Honda HRC: "Sentirò un po' la mancanza dei suoi consigli, ma lo capisco. Ha avuto una grande opportunità e sono felice per lui, perchè può diventare un grande team manager. Tuttavia, avrò comunque tante persone competenti al mio fianco".

Infine, pensando alla stagione ormai alle porte, il numero 7 è sicuro di poter ottenere ottimi risultati: "Possiamo vivere un anno da protagonisti. Puntiamo ad ottenere grandi risultati, anche se ovviamente il tutto dipenderà anche dal supporto che ci fornirà Ducati. Sicuramente, quando verrò inquadrato si capirà che sono io, visto che ho una livrea impossibile da confondere".

SBK test Barcellona, Haslam: “Bello essere competitivi dappertutto”