Giornata di lavoro quella odierna per i due portacolori del team Ducati Aruba Michael Rinaldi e Scott Redding, che hanno chiuso la giornata rispettivamente in seconda e terza posizione, alle spalle della V4 azzurra di Chaz Davies. Per il romagnolo il day 1 di Aragon si chiude con il sorriso, e con una importante informazione circa la principale area su cui lavorare.

“Oggi ho lavorato abbastanza bene – apre Michael – ed il feeling non è male, ma dopo i precedenti test e questa giornata è chiaro che devo migliorare in uscita di curva, dato che non sono efficace come vorrei. Nel complesso però posso essere abbastanza contento della mia velocità, e sono consapevole che per essere veloce nel corso di tutto l’anno devo sfruttare al meglio i test come questo”.

Il diktat per domani è abbastanza chiaro e conciso, con la speranza di poter ottenere tra un mese e mezzo un’altra vittoria sul tracciato spagnolo. “Domani cercherò di migliorare ancora - conclude Michael - e non vedo l’ora di tornare in pista”.

Redding: “Provate due moto e due assetti per capire la strada da seguire”


Bilancio positivo anche per Scott Redding in quel del Motorland, al termine di una giornata passata a studiare tutte e due le moto a disposizione.

“Ho utilizzato le gomme usate per tutto il corso della giornata – racconta Scott – montando nel finale la SCX, ma senza trovare il giusto momento per fare un giro davvero veloce. In generale è stata una giornata interessante, dove ho provato due moto e due assetti diversi per capire la corretta via da prendere".

In vista del secondo giorno l’inglese non perde il sorriso, conscio ad ogni modo di dover lavorare sui propri punti più deboli. “Domani spero di fare un ulteriore passo in avanti, partendo dalle buone sensazioni che già oggi ho provato in sella. Cercherò di lavorare sui miei punti deboli, sia per quanto concerne l’assetto che il mio stile di guida”.

Test SBK Aragon, Chaz Davies: “Rispetto a Barcellona, passi avanti”