Al primo round con la BMW M1000RR si è rivisto il vero Michael Van Der Mark, quello del penultimo anno con la Yamaha. L’olandese ha potuto battagliare con le due Kawasaki in gara-2 per una posizione sul podio chiudendo poi al quinto posto alle spalle del suo compagno di box Sykes, per la felicità di Shaun Muir. 

SBK Aragon: Redding azzecca le gomme giuste e vince in Gara 2

“Oggi mi sono divertito”


Van Der Mark inizia il suo debrief parlando delle due gare domenicali, chiuse entrambe al quinto posto, soprattutto la seconda dopo un bel duello con le Kawasaki e con Sykes. “E’ stata una bella domenica” – dice l’olandese – “nel warm up ho guidato per la prima volta la M1000RR sul bagnato e devo dire che mi sono trovato subito bene, mi sono divertito. In Superpole Race quando ho visto la traiettoria asciutta ho messo le slick ma poi in griglia ha iniziato a piovere e ho pensato che fosse un azzardo. In partenza ho passato tanti piloti. Alla fine per me è stata una scelta giusta e finire quinto la gara è stato un bel risultato. Stamattina tutti erano orgogliosi di me per l’azzardo che alla fine ha pagato.” 

L’olandese poi aggiunge, parlando di gara-2: “In gara-2 volevo fare la stessa scelta come la Superpole Race. Quando ho lasciato la pit lane era tanto bagnato ma poi ho visto nel giro di ricognizione che la traiettoria era asciutta. Scott ha preso la decisione giusta e mi sono detto “vediamo quanto arriveremo lontani con le intermedie”. E’ stata una buona partenza, ho fatto un bel duello con Johnny ed Alex. Le moto erano più o meno uguali. Stavo chiedendo troppo alle gomme, Sapevo che ad un certo punto avrei avuto un calo della gomma, fortunatamente è arrivato alla fine e Tom mi ha passato.”

“Quando prendi una decisione devi attenerti a quella”


L’olandese ritorna sull’argomento della scelta delle gomme. “Quando prendi una decisione devi attenerti a quella. Stamattina per esempio nella prima parte del tracciato non pioveva ma quando siamo arrivati all’ultima curva pioveva tanto. Ho preso una decisione che si è rivelata giusta. Penso che quella di gara-2 non fosse la decisione sbagliata, era quella giusta. Ma se avessi scelto le slick sarebbe andata diversamente.”

“Il potenziale per salire sul podio c’è”


Magic Mickey chiude parlando di un punto forte in particolare della moto nella gara di oggi e del fatto di poter vedere le M1000RR sul podio quest’anno. “Con le condizioni di oggi mi trovavo bene a chiudere un po’ tardi le linee, ma quando è asciutto è un problema. Abbiamo cambiato la moto tra ieri ed oggi e se fosse stato completamente asciutto sarebbe decisamente migliorata questa cosa. Non è stato il punto forte della moto ma in gara-2 è stato un punto di forza ed ho bisogno di questa piena confidenza anche sull’asciutto.”

L’olandese poi aggiunge: “Il potenziale c’è. Abbiamo tanta potenza che non riusciamo bene a scaricare a terra anche se in questo weekend siamo riusciti a migliorare leggermente. Fatico ancora a fermare la moto e a farla curvare nelle curve veloci. Per quello dobbiamo ancora migliorare. Gare come queste con le intermedie in condizioni particolari hanno dimostrato che Kawasaki è forte in ogni condizione, oggi erano forti ma abbiamo potuto lottare con loro. Abbiamo dimostrato il nostro potenziale.”

SBK Aragon, Alex Lowes: "E' stato divertente lottare con VD Mark "