Si chiama “Troy Story: The Legend of a Champion” la mostra temporanea dedicata all’australiano tre volte campione del mondo Superbike, inaugurata pochi giorni dopo la riapertura al pubblico del Museo Ducati. La mostra è nata per celebrare il 20° anniversario del primo titolo in Superbike dell’australiano, con contenuti esclusivi dedicati ai fan di Bayliss vicini e lontani.

La data della riapertura del Museo Ducati è piuttosto simbolica: il 21 maggio. 21 come il numero di Troy, 21 come il giorno della prima impresa in Rosso nel Mondiale, il quadruplo sorpasso in Prima Variante a Monza il 21 maggio 2000. La storia di Bayliss in Ducati la conoscono tutti: dopo quel sorpasso, si è guadagnato il posto in Ducati Infostrada per il 2001 al posto dell’ormai ritirato Carl Fogarty, sostituito proprio in quel 2000.

Le Rosse in esposizione


I fortunati che potranno accedere al Museo avranno l’opportunità di vedere da vicino le Rosse con le quali Bayliss ha firmato alcune imprese epiche nel Mondiale:

996 Factory 2000, dal suo debutto nel Mondiale SBK e utilizzata a Monza nel famoso quadruplo sorpasso;

996 Factory 2001 Testastretta, la moto del suo primo titolo mondiale con la livrea usata ad Imola nel 2001;

998 Factory Testastretta 2002, protagonista del duello mozzafiato con Edwards sul tracciato del Santerno;

999 Factory 2006 "Superman", con la quale Troy conquistò la 250ma vittoria della Ducati in SBK ed il suo secondo titolo;

999 Factory 2007, utilizzata nell’arrivo al fotofinish contro James Toseland ad Assen;

1098 R Factory 2008, la moto del suo ultimo titolo conquistato a Magny Cours.

Nelle giornate del 4, 11 e 25 giugno in diretta sulla pagina Facebook ufficiale del Museo Ducati, Giovanni di Pillo presenterà degli approfondimenti su Troy Bayliss ed insieme a Julian Thomas, ex Press Manager di Ducati Corse, racconteranno degli aneddoti e pillole inedite sulla vita dell’australiano. 

La mostra temporanea dedicata a Troy Bayliss resterà al Museo Ducati fino al 19 settembre 2021, con l’unica eccezione dei giorni dal 1 al 4 luglio, quando le moto saranno esposte a Modena in occasione dell’edizione 2021 del Motor Valley Fest. Un modo questo anche per augurare pronta guarigione all’australiano dopo l’incidente in bici dello scorso 14 maggio.

SBK: Troy Bayliss, una carriera da vincente