Si è concluso con un secondo posto in Gara 2 il fine settimana di Misano per Michael Ruben Rinaldi, assoluto protagonista di ogni sessione questo weekend in sella alla Ducati Panigale V4-R del team ufficiale.

L'italiano ha ammesso di aver dato il cento per cento in Gara 2, nonostante non sia bastato per battere Razgatlioglu: “Come nel resto del weekend, anche in quest'ultima gara ho dato il massimo, ma la grande differenza rispetto a Gara 1 riguardava le condizioni della pista. Oggi per girare come ieri bisognava prendere più rischi a causa del caldo ed il feeling non era lo stesso”.

"Oggi Toprak ne aveva più di me"


Ero al limite quando Toprak mi ha superato. Evidentemente lui ne aveva di più rispetto a me, perchè è riuscito a scappare con relativa facilità e allora, quando mi sono reso conto che non sarei riuscito a riprenderlo, ho preferito chiudere con un buon secondo posto piuttosto che rischiare una scivolata”, prosegue il numero 21.

Nonostante sia stato un gran weekend per me e per la Ducati, comunque, possiamo ancora migliorare, soprattutto per quel che riguarda la fase di frenata in cui ho visto che la Yamaha per ora è più precisa rispetto a noi, quindi non dobbiamo adagiarci sugli allori”.

SSP600 Misano, Odendaal non rispetta la penalità: Gara 2 è di Aegerter

"Sono felice per Bassani"


Un altro giovane italiano autore di un grande weekend è stato Axel Bassani, il quale ha impresso lo stesso Rinaldi: “Conosco Axel da tempo e sono davvero impressionato da ciò che è riuscito a fare, perchè è stato un gran fine settimana il suo. E' un esordiente in Superbike, ma il suo talento non è da mettere in discussione. Sia io che lui siamo abbastanza leggeri e credo che questa pista sia favorevole al nostro fisico”.

Yamaha R3 European Cup: i risultati delle due gare di Misano