Il sabato del round di Assen del mondiale Superbike si è concluso con un secondo posto in Gara 1 per Scott Redding in sella alla Ducati Panigale V4-R ufficiale, al termine di un lungo duello con Toprak Razgatlioglu per il secondo e terza gradino del podio, durato per tutta la durata della contesa.

Una gara, quella dell'inglese, che non è iniziata nel migliore dei modi:Mi sono trovato bene con la moto ed il feeling è stato buono fin dai primi giri, ma la partenza è stata pessima come sempre. Rea con la nuova gomma SCX era quasi imprendibile, perciò credo comunque di aver ottenuto il massimo possibile per questa gara”.

SBK Assen, paura per Folger, fortunatamente fuori pericolo

"La lotta con Toprak è stata intensa"


La lotta con Toprak è stata lunga e particolarmente intensa, perchè la mia moto e la sua sono completamente diverse e c'erano molti punti della pista in cui una delle due era più performante. Ci siamo superati tante volte e le parti più tortuose si sono confermate quelle in cui fatichiamo di più, ma alla fine sono riuscito a chiudere davanti e mi sento soddisfatto anche del modo in cui ho gestito le gomme. Penso che, senza la bandiera rossa, la lotta sarebbe continuata ugualmente fino al traguardo”, prosegue il numero 45.

Infine, Scott si è proiettato verso le gare della domenica: “In vista della Superpole Race e di Gara 2 proveremo a fare qualche piccola modifica sul davanti in modo da avere una maggior confidenza in entrata e in percorrenza delle curve più lunghe come la 3 e la 5, cercando di avere anche un minor consumo della gomma”.

SSP300 Assen, Gara 1: Huertas vince davanti a Meuffels e Buis