SBK: Navarra attende lo scontro tra Rea, Razgatlioglu e Redding

SBK: Navarra attende lo scontro tra Rea, Razgatlioglu e Redding© GPAgency

Johnny è braccato da Toprak e Scott si avvicina: il cinquantunesimo tracciato ad ospitare un round iridato offrirà ancora il duello delle "Tre Erre", in cui il nordirlandese è minacciato dal turco e dall'inglese. Kawasaki in difesa, Ducati in recupero, Yamaha la più completa

Redazione

17 agosto

Navarra, che posto sarà? La pista spagnola è il cinquantunesimo impianto Mondiale ad ospitare un round della SBK iridata, e si trova nel Nord del Paese. Per la precisione, il circuito è situato a Los Arcos, cittadina rurale non distante da Blbao, più vicina però a Pamplona. 

La novità è già stata saggiata da praticamente tutti i piloti, sul luogo nei mesi scorsi per test di avanscoperta; la settima tappa 2021 sarà, quindi, interessante come si è dimostrata la fermata di Most, altra pista nuova a regalare spettacolo ed emozioni.

Abbiamo assistito, ancora, al duello delle "Tre Erre", ovvero, della sfida tra Rea, Razgatlioglu e Redding. Johnny comanda la classifica con 266 punti, Toprak ne ha tre in meno, Scott è a quota 216. Sebbene in vetta ci sia il nordirlandese, il trend del momento pende a favor dell'inglese, ancor più di quanto non lo sia per il turco.

L'amor di coppia spinge Redding, miglior ducatista 2021


Avete presente la frase "E così, vissero felici e contenti"? Ebbene, lo auguriamo davvero a Redding e futura consorte: Scott e Jacey Hayden convoleranno a nozze e costituiranno una nuova famiglia. Evviva! Ma nel frattempo, cè un titolo SBK da vincere ed il numero 45 lo sa.

Ci sta provando, forte di essere il miglior ducatista del lotto. Il bulldog, tuttavia, non ha ancora confermato la sua presenza in Rosso per il prossimo anno, perché incombono gli (eventuali, non sicuri) arrivi di Alvaro Bautista o Danilo Petrucci. La Casa di Borgo Panigale dovrà pensare bene alle mose da compiere.

E lui, terzo in classifica con 50 lunghezze di ritardo da Rea, ne è consapevole ed in forma. Polemizza, provoca, borbotta, ci ripensa, vince. Sì, vince. Ad oggi, Redding ha portato nel box Aruba tre successi parziali. Nessuno, al momento, ci è riuscito con l'attuale V4 R, moto competitiva ma assai particolare.

Razg-attack lancia Yamaha alla caccia dell'iride


Avete visto che sorta di sorpasso Toprak abbia inflitto a Redding? Ecco, quella manovra è la sintesi perfetta del repertorio turco: velocità, acrobazia, spericolatezza e determinazione. Con le armi appena elencate, il pupillo di Kenan Sofuoglu lancia la Yamaha verso la prima posizione assoluta.

La R1 M sembra la Superbike più completa della griglia: la Ducati è forte in accelerazione, la Kawasaki e precisa. ma la quattro cilindri blu fa tutto meglio di tutte. Scusate se nella lista non trovate Honda e BMW, però... sapete com'è: CBR e M1000 RR appaiono davvero incostanti.

Solidissima, invece, la formazione Pata with Brixx, team Crescent in cui il numero 54 ed il rookie Andrea Locatelli vanno fortissimo. A Navarra pure il contingente di Iwata ha già girato, perciò la competizione avverrà ad armi pari. Anche se, l'ordigno in più detenuto dai tre diapason ha la bandiera rossa con luna e stella di color bianco

Rea e Kawasaki, duo vincente in stato difensivo


Sei titoli, mica pochi. Johnny e la Ninja costituiscono un tutt'uno di alto lignaggio, lo dicono le statische e lo confermano i rivali. Anche se, in questo preciso istante, sorgono dubbi sulle reali capacità offerte dalla ZX-10RR. L'impressione è che la scuderia di Akashi abbia "placato" lo slancio di inizio anno.

A Navarra vedremo se questa ipotesi è plausibile. Il Cannibale non ha mangiato granché a Most, perciò vuole/vorrebbe recuperare quanto perduto in Repubblica Ceca. Dannazione, due voli consecutivi in gara lasciano segni, per fortuna non fisici nel suo caso, chissà se saranno emotivi.

Inoltre, osservate bene: se Redding ha spesso e volentieri altre Ducati a far bagarre nel gruppo di testa, se Razgatlioglu può contare su Locatelli (meno su Gerloff, ma Garrett non l'ha fatto apposta), il numero 1 è - contrariamente - il solo uomo verde a farsi largo in alto. Quanto potrà resistere?

Misano 1982: Franco Uncini, in volo verso l'iride della mezzo litro 

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi