SBK Navarra, Redding: “Voglio vincere il titolo con Ducati”

SBK Navarra, Redding: “Voglio vincere il titolo con Ducati”© GPAgency

“Ho cercato di tenere il mio ritmo senza strafare, sono quasi caduto all'ultima curva toccando il cordolo” ha commentato il ducatista, fresco vincitore della prima gara

21 agosto

Felice come una Pasqua Scott Redding per la seconda vittoria consecutiva dopo quella di Most in gara-2. L’alfiere Ducati ha battuto nettamente i suoi diretti rivali per il titolo Rea e Razgatlioglu ed ora vede molto più vicina la possibilità di giocarsela fino alla fine. 

“Non ho guidato in maniera perfetta”


Scott Redding è felicissimo per la vittoria di gara-1, corsa sotto un sole cocente, condizione che sembra favorire il pilota inglese come lui stesso ha ammesso. “Non è mai facile quando fa troppo caldo però mi sono sentito bene. Dopo il caldo di Jerez sapevo che sarei andato forte. Più volte nella mia carriera mi sono dovuto ritirare per il gran caldo ma in questa condizione sto migliorando. So che posso vincere con il gran caldo e questo significa molto per me, è un grande step in avanti nella mia carriera.”

Poi aggiunge: “Non ho guidato in maniera perfetta perché la moto si muoveva ma riuscire a passare Rea prima di curva 1 è stato incredibile. Il giro di ricognizione l’ho preso con molta calma. Nei primi giri sapevo che Rea fosse veloce quindi ho cercato di stare calmo e vedere dove era più forte e dove era più debole. Quando l’ho visto avere qualche problema gli ho dato ancora un giro e poi l’ho attaccato. Non ho spinto subito forte quando sono passato in testa ma ho cercato di tenere il mio ritmo senza strafare. Rea era dietro di 3-4 decimi e ho visto che non poteva stare al mio passo. Ho alzato il ritmo ed il gap si è allungato, Rea ha fatto un errore probabilmente ed ho potuto guidare rilassato e senza dover lottare con la moto. Sono quasi caduto all’ultima curva toccando il cordolo ma poi ho ripreso il mio ritmo.

“Possiamo farcela”


Redding parla sia degli avvallamenti presenti sulla pista che delle evoluzioni della moto dopo la gara di Donington Park ed anche in cosa sia cambiato il pilota inglese. “La Ducati non è la miglior moto sugli avvallamenti” – dice l’inglese – “E’ un nostro punto debole. E’ chiaro che gli avvallamenti non spariscono ma bisogna affrontarli nel miglior modo possibile. Essere davanti è meglio che inseguire, potevo guidare in un certo modo e permettermi qualche piccolo errore. Vorrei guidare sempre così ma non è possibile. La moto è stata fantastica, il team ha fatto un gran lavoro. Voglio vincere il titolo con Ducati e dare il massimo. Oggi abbiamo dimostrato di poter vincere ancora.” 

Poi aggiunge parlando degli aggiornamenti dopo il round inglese: “La moto è la stessa di Donington Park, identica. Prima di Most ho guidato la stradale per mezza giornata e mi sono trovato bene. La moto non è cambiata, ho capito adesso come guidarla rispetto ad inizio stagione, cerco solo di dare il massimo e divertirmi. Ho solo cambiato un po’ il mio approccio alle gare, le vivo alla giornata senza stressarmi. Delle volte dormo prima delle gare, ascolto musica.

“Il campionato è ancora lungo”


Redding parla anche della lotta al titolo, trovandosi a 45 punti di distacco da Rea. “Per vincere il titolo ci vuole costanza di risultati. Rea è costante. Dovessi vincerlo sarebbe fantastico, non dovessi riuscirci? Beh ci ho provato. Voglio divertirmi il più possibile, il campionato è ancora lungo e ci sono ancora 300 punti in palio e ci sono circuiti diversi. Se vinco anche domani pomeriggio sono altri 5 punti e se vinco anche la Superpole Race sono altri 3 punti. La chiave è sempre stare davanti ai propri rivali.

SBK, Auf wiedersehen BMW: Sykes in Honda (con Davies?)

 

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi