SBK Magny Cours, Razgatlioglu: “Ho imposto il mio ritmo senza rischi”

SBK Magny Cours, Razgatlioglu: “Ho imposto il mio ritmo senza rischi”© GPAgency

Il turco della Yamaha ha dominato Gara 1 sulla pista francese: "Rea e Lowes erano forti nei primi giri, ma sognavo di fare lo stoppie sul traguardo. Redding? Il suo weekend è stato strano"

La prima gara del weekend della Superbike a Magny Cours è stata semplicemente perfetta per Toprak Razgatlioglu. In sella alla Yamaha R1 ufficiale, il pilota della Casa di Iwata ha dominato la corsa, tagliando il traguardo con oltre quattro secondi di vantaggio su Jonathan Rea.

I primi giri non sono stati facili. Ho cercato di restare dietro alle Kawasaki di Rea e Lowes che erano molto veloci nei primi passaggi, ma quando ho trovato la giusta confidenza sono passato in testa e sono riuscito ad imporre il mio ritmo senza prendere troppi rischi. Anche la scelta della gomma SC1 all'anteriore si è rivelata giusta”, ha detto il turco al termine della prima manche.

"Sognavo da tempo di fare uno stoppie sul traguardo"


Adoro il circuito di Magny Cours e, visto che aspettavo da tempo di poter effettuare uno stoppie sulla linea del traguardo dopo una vittoria, ho deciso di farlo qui visto che la linea del traguardo è molto vicina all'uscita dell'ultima curva. Scherzi a parte, non è stato facile mettere del gap tra me e Rea, ma oggi ha funzionato tutto al meglio e spero che anche nelle gare della domenica riesca a disputare delle manche come questa”, prosegue il numero 54.

A proposito delle gare della domenica, Toprak sa che la Superpole Race non sarà semplice: “Penso che nella gara sprint Jonathan Rea possa essere davvero pericoloso e sarà ancora una volta lui il mio avversario numero uno, mentre per Gara 2 punto ad un risultato come quello che ho ottenuto oggi, sperando che le condizioni della pista siano simili”.

SSP300 Magny-Cours: Adrian Huertas vince Gara 1

"Strano non vedere Redding davanti"


Infine, non è mancata una battuta su Redding, in netta difficoltà: “E' stato molto strano non vedere Scott nelle posizioni di vertice. Ho visto che è partito indietro e che poi è anche caduto, ma questo campionato è così ed andare forte in un weekend non ti garantisce di essere competitivo anche in quello successivo. Anche io in questo fine settimana ho faticato all'inizio della prima giornata, ma fortunatamente con il team abbiamo lavorato bene e abbiamo trovato in fretta la quadra”.

MXGP: si riparte dalla Turchia

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi