Il team Aruba Racing Ducati parte per il trittico SBK forte dei migliori auspici. Michael Ruben Rinaldi è stato confermato dalla squadra ufficiale, Scott Redding lascerà la compagine Rossa, ma vuole farlo provandoci ancora: ciò significa che l'inglese, anche matematicamente, crede nell'impresa di vincere il titolo.

Secondo noi fa bene, perché Razgatlioglu e Rea, seppur distanti, sono tuttora raggiungibili.  Però, innanzitutto, il numero 45 ammette come ci sia, in primis, da superare lo scoglio Montmelò: "Se devo essere sincero - svela - Barcellona non è in cima alla lista dei miei circuiti preferiti".

Un fattore su tutti è intravisto come determinante: "Le condizioni atmosferiche e le conseguenti alte temperature - ecco il particolare - perché dovremo affrontare lunghi curvoni nei quali potremmo faticare un po'. Nonostante ciò, il mio obiettivo è il podio in ognuna delle tre manche programmate".

SBK, Razgatlioglu: “Barcellona difficile nel 2020, ma ora sono forte ovunque”

Rino va forte al Catalunya Circuit


Se a Scott il Montmelò non fa impazzire, Michael Ruben, invece, lo trova assai piacevole: "Non vedo l'ora di salire in sella venerd' mattina  - l'entusiasmo del romagnolo - su una pista dove in passato mi sono trovato a mio agio. Sono molto determinato: ho voglia di ritrovare il feeling giusto, nell'obiettivo di tornare competitivo. Farò del mio meglio per salire sul podio, desidero regalare bei risultati alla squadra".

Rossi e Cairoli, il ritiro di due campioni che desideravano il decimo titolo