Il venerdì di Barcellona si è concluso con il miglior tempo nelle FP2 per Toprak Razgatlioglu, che nonostante l'assenza nei test a causa della positività al Covid e l'infortunio dello scorso anno, è riuscito ad essere immediatamente veloce sul circuito spagnolo in sella alla Yamaha R1 ufficiale.

Sono contento per la posizione, ma in realtà devo ammettere che la giornata non è stata semplice”, spiega il turco. “Il grip al posteriore non era eccezionale oggi e abbiamo fatto fatica a trovare il giusto setup della moto, anche per via della mia assenza nei test. In ogni caso, io lavoro sempre in ottica gara durante i turni di prove e non sono interessato al tempo sul giro singolo, perciò in vista di Gara 1, posso dire di sentirmi pronto”.

SBK Barcellona, Rea: “A Magny Cours non ho fatto nulla di sbagliato”

Toprak: “Se penso a Magny Cours, mi viene da sorridere”


A proposito di Magny Cours, Toprak ha invece detto di essere rimasto stupito dall'accaduto: “Dopo la gara non ho voluto mettere immagini o creare ulteriore polemica sui social, ma anzi sono rimasto sorpreso da quello che è successo nella Superpole Race e se ci penso mi viene da sorridere, non da arrabbiarmi. Mi dispiace soltanto per non aver vinto tutte e tre le gare in una delle mie piste preferite nonostante sia passato per primo sotto la bandiera a scacchi in tutte e tre le occasioni”.

Il mio rapporto con Jonathan Rea non è cambiato al di fuori della pista, ma è chiaro che in gara adesso siamo più rivali che mai. So che queste sono le regole ed è giusto farle applicare, ma ora preferisco non pensarci troppo e pensare a vincere le prossime gare, che è ciò che conta di più in questo momento”, conclude il numero 54.

MotoGP e SBK, su Sky almeno fino al 2025