SBK Portimao, Razgatlioglu: “Ho battuto Rea sulla sua pista preferita”

SBK Portimao, Razgatlioglu: “Ho battuto Rea sulla sua pista preferita”

Il leader del mondiale allunga ulteriormente in classifica dopo la vittoria: "Mi spiace per la caduta di Johnny, ma penso a vincere le gare senza fare calcoli. Questa manche mi ha ricordato quella di Jerez"

La vittoria di Gara 1 all'Autodromo Internacional do Algarve di Portimao ha acquisito un'importanza ancora maggiore per Toprak Razgatlioglu, che dopo lo “zero” di Jonathan Rea a causa di una caduta, vede la propria leadership estendersi a 45 punti sul nordirlandese al termine di una corsa in cui ha avuto la meglio su Scott Redding dopo un lungo duello e che l'ha visto effettuare una particolare esultanza in cui ha spazzolato il famoso "verde" chi gli ha fatto perdere la vittoria a Magny Cours.

Questa gara mi ha ricordato quella di Jerez e anche il risultato è stato lo stesso. Non è stata una gara facile perchè in alcuni tratti mi sembrava di avere troppo freno motore sulla moto, ma mi sono divertito e nei primi giri è stata una dura lotta tra me, Scott e Rea, anche se poi è caduto nei primi giri”, spiega il turco di casa Yamaha al termine della corsa.

SSP300 Portimao, Gara 1: Di Sora vince la gara, Huertas il titolo

Razgatlioglu: “Mi dispiace che Rea sia caduto”


Nonostante sia una vittoria importante, Toprak si è detto dispiaciuto per il ritiro di Rea: “Oggi ho battuto Johnny nella sua pista preferita ed è stato emozionante, perchè mi ricordo bene quando nel 2017 fu proprio lui ad aiutarmi a prendere la giusta confidenza con la Superbike su questo circuito. Mi spiace per la sua caduta e che la nostra battaglia si sia conclusa così, ma mi auguro che stia bene e sono certo che nelle prossime gare lotteremo di nuovo uno contro l'altro. Per domani dovrò trovare il giusto feeling per essere più rapido in alcune curve come la 10 e la 14, dove Rea e a tratti anche Redding erano più veloci di me, come ho potuto notare mentre mi trovavo dietro di loro”.

Nonostante l'ampio vantaggio in classifica, il numero 54 ha ammesso di non pensare ugualmente al campionato: “So di avere un ampio margine ora, ma quando sono in gara non ci voglio pensare e il mio obiettivo è sempre quello di cercare di conquistare la vittoria quando è possibile o, comunque, il miglior risultato possibile”.

MotoGP Americhe, chi vincerà la gara ad Austin? VOTA IL SONDAGGIO

"Il divieto di usare la SCX? Non mi lamento"


Infine, non è mancata una battuta a proposito dell'impossibilità di utilizzare le gomme SCX nelle gare lunghe: “Pirelli ci ha imposto di usare le SCX soltanto nella Superpole Race. Tanti piloti sembravano contenti di questa scelta che sembra sia stata fatta per motivi di sicurezza, perciò anche se non sono particolarmente favorevole, non mi lamento e, a chi mi chiede se sono contrario, faccio un sorriso”.

CIV Moto3: Alessandro Morosi e l'AC Racing Team insieme a Vallelunga

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi