Stava lottando per concludere il round portoghese sul terzo gradino del podio, Alvaro Bautista, quando invece si è dovuto ritirare a causa di un contatto con Loris Baz. Contatto per cui il francese è stato penalizzato e su cui lo spagnolo ha puntato il dito senza alcun dubbio. Ecco il suo racconto sull’accaduto.

Una lotta finita in fumo


Il pilota Honda ha prima anticipato le buone sensazioni di quel momento: “Stavo lottando di nuovo con Baz e, mentre sabato sentivo che era più forte di me su gran parte della pista, ieri sentivo di averne un po' più di lui. Dovevo solo trovare il posto migliore per superarlo”.

I tentativi non sono mancati: “Ho provato un paio di volte alla prima curva ma poi mi ha passato di nuovo. Alla fine, alla curva cinque, dopo che l'ho superato frenando efficacemente in curva, sono riuscito a mantenere una buona traiettoria, ma lui è passato sul cordolo per passarmi e mi ha colpito, facendomi cadere. Penso che la sua mossa fosse chiaramente non corretta, poiché avevo la traiettoria giusta”.

Il bilancio della prova però non è del tutto negativo per il portacolore Honda, anzi: “Sicuramente non sono contento di questa manovra di Loris ma allo stesso tempo penso che dobbiamo essere contenti della nostra prestazione e del lavoro che abbiamo fatto, perché in entrambe le gare abbiamo lottato per il podio. Questa è la cosa più importante alla fine”. E l'ultimo round europeo della stagione può essere archiviato con un mezzo sorriso.

SBK Portimao, Baz: "Mi dispiace dover restituire la Ducati a Davies"