La lotta al titolo della Superbike è ancora a tre, con Scott Redding staccato di 54 punti dal leader Toprak Razgatlioglu e di 30 lunghezze da Jonathan Rea, e l’inglese si affaccia con entusiasmo al nuovo appuntamento che lo attende in Argentina (orari tv). Il pilota ufficiale Ducati non ha mai corso sul tracciato di San Juan Villicum, a differenza del compagno di squadra Michael Rinaldi, in piena lotta per il quarto posto iridato con Andrea Locatelli.

Redding in versione debuttante


Il dodicesimo round è ormai alle porte, domani i piloti scenderanno in pista e Redding ha ammesso: “Sono molto curioso di correre su questo circuito. Si tratta del suo debutto sulla pista argentina: “Per me sarà la prima volta in carriera quindi chiaramente dovrò prendere confidenza con il layout ma correre su nuovi tracciati è una cosa che mi piace molto. Per questo credo che non avrò difficoltà a familiarizzare rapidamente con la pista”. Dopo i tre secondi posti ottenuti sul circuito di Portimao, Redding che si appresta a disputare le ultime gare con la Casa di Borgo Panigale non si risparmierà: Darò tutto fin dalle prove libere. Il mondiale è ancora matematicamente aperto”.

Rinaldi punta in alto


Michael Rinaldi, invece, ha dei ricordi sulla pista di Argentina, dove corse nel 2019 e come miglior risultato sfiorò la top 10.Sono molto contento di correre in Argentina. Era molto tempo che non affrontavamo una trasferta intercontinentale e c’è grande entusiasmo” ha ammesso il romagnolo. Ormai manca poco a riassaggiare le curve di questa pista: “Qui ho corso una sola volta in carriera e devo dire che il disegno della pista mi è piaciuto molto. Non vedo l’ora di salire in moto per dare il massimo e cercare di divertirmi. Sono certo che ci siano le condizioni per poter ottenere risultati importanti”. Intanto lo sguardo resta fisso sul quarto posto in campionato.

SBK, in Argentina si frena più che a Buriram