SBK Argentina, Rea: “Pista pulita bene, ma fuori traiettoria è come il Qatar”

SBK Argentina, Rea: “Pista pulita bene, ma fuori traiettoria è come il Qatar”© GPAgency

Johnny inizia con una scivolata il weekend argentino: "Non so se perché ho frenato troppo forte o a causa della sabbia. Non avevo mai visto una burrasca come quella di ieri, ma il tracciato è meglio degli anni scorsi"

15 ottobre

Non è tanto la Ninja a far impressione, quanto la testa china di chi l'ha appena lanciata: Johnny Rea appare mesto e questo non è un bel segno per la SBK 2021. Però, lo sappiamo, il pluricampione non è mai domo. Saprà il numero 1 mantenere tale tabella sulla sua Kawasaki o si arrenderà agli attacchi di Toprak Razgatlioglu?

Vedremo. Nel frattempo, il portacolori Provec KRT spiega lo stato d'animo che lo assale a seguito del ruzzolone di oggi: "Mi sento frustrato - svela- la caduta è stata micidiale, ed avvenuta all'inizio della seconda sessione. Abbiamo perso tantissimo tempo nel lavoro da fare. Non saprei dire se ho frenato troppo forte, oppure se il volo era causato dalla tanta sabbia in pista".

Come detto, il lavoro attorno alla ZX-10RR è stato condizionato: "Non ho avuto chance di usare le gomme soft - conferma il ritardo nel metodo di preparazione - però Lowes ci è riuscito, sicché abbiamo qualche riferimento, li analizzeremo. La pista è be gommata, la moto funziona in modo consistente. Domani vedremo cosa succederà. Ho notato che tutti i piloti siano andati meglio, malgrado la tempesta di ieri.

Pista abbastanza pulita, ma sembra il Qatar


La burrasca di ieri ha spaventato tutti ma, perlopiù, ha sporcato il nastro di asfalto. Secondo Johnny il lavoro di pulizia è da ritenersi buono: "Verso la fine del turno il ritmo era soddisfacente, malgrado nessuno fosse ottimista stamani. Perché ieri ci hanno detto di tornare nel box: la tempesta di sabbia era terribile, la prima vista in tutta la mia esperienza. Devo dire che i ragazzi abbiano pulito bene, il tracciato era buono, se paragonato agli anni scorsi".

D'accordo, però lui è scivolato. Quindi, come fare per evitare altri errori? Ecco il modo: "Fuori dalla traiettori ideale, la pista è ancora sporca. Diciamo che sia nelle stesse condizioni che si trovano in Qatar. Però sono ottimista, tutto migliorerà e le gare saranno di livello altissimo. Ci sarà da aspettare la temperatura ideale. Dovrebbe salire e la scelta delle coperture sarà importante: giusta o sbagliata determinerà il risultato in gara".

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi