SBK, ufficiale: Go Eleven ed Oettl insieme per due stagioni

SBK, ufficiale: Go Eleven ed Oettl insieme per due stagioni

Contratto biennale per il tedesco, che dunque avrà il giusto tempo per conoscere moto, team e categoria. "Sono davvero felice di questa opportunità, spero di adattarmi velocemente"

Ora è ufficiale, Go Eleven ha trovato il proprio nuovo portacolori per la prossima stagione. Dopo mesi di trattative e candidati il team piemontese ha sciolto le riserve, decidendo (come anticipato) di affidare la propria Ducati Panigale V4 R (ora nelle mani di Chaz Davies) a Phillipp Oettl, che lascia dunque la Supersport dopo due stagioni per debuttare nella classe regina del paddock Superbike.

Il tedesco ex Moto3 e Moto2 dunque è pronto per cogliere una grande occasione, potendo contare per la propria crescita e maturazione su due anni di tempo: il contratto tra Oettl e Go Eleven infatti scadrà infatti alla fine della stagione 2023, il che consentirà appunto al figlio d’arte Philipp di lavorare nel 2022 senza eccessive pressioni. Un accordo molto simile a quello tra il team Barni e Luca Bernardi, un altro giovane che il prossimo anno farà il suo debutto in Superbike. 

Oettl: “Spero di imparare velocemente, con Go Eleven avrò una grande chance”


“Sono davvero felice di passare in Superbike – esordisce il classe ’96 – specie con un team come Go Eleven. Spero di imparare in fretta lo stile di guida adatto: sono sicuro che avrò un ottimo gruppo di persone intorno che mi aiuteranno a raggiungere i risultati che vogliamo. Ho voluto fortemente entrare a far parte di questo team, ed ora sono davvero impaziente di iniziare. Ducati inoltre è un marchio glorioso, quindi sono onorato di poter guidare la V4 R”.

Lo stesso mix di soddisfazione e voglia di ben figurare arrivare ovviamente anche dalle alte sfere del team piemontese, a cominciare dal Team Owner Gianni Ramello: “Abbiamo spesso realizzato progetti a lungo per puntare su un giovane in passato, ed ora torniamo a farlo. Oettl mi ha spesso impressionato in Supersport, anche in relazione alla moto a disposizione, quindi penso che senza particolari pressioni possa regalarci grandi soddisfazioni. Insieme faremo le cose in stile Go Eleven, quindi con professionalità e divertimento”.

La crescita di Oettl sarà coadiuvata e monitorata ovviamente anche da Denis Sacchetti, confermato al timone della nave in qualità di Team Manager. “Philipp è un pilota molto determinato, che ha già un buon metodo di lavoro trasmesso sicuramente dal padre Peter, grande protagonista del passato del motociclismo: questo è certamente un valore aggiunto, che aiuterà sia noi che lui. Il progetto mi regala grossi stimoli, dato che avremo un pilota giovane e desideroso di mettersi in mostra”.

Quartararo continua con il 20: è Rea l'ultimo superstite dei "numeri" 1

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi