SBK, Spies: “Per evitare errori, Gerloff ha corso con cautela”

SBK, Spies: “Per evitare errori, Gerloff ha corso con cautela”© GPAgency

Ben conosce bene Garrett: "Le critiche ricevute lo hanno frustrato, ma poi è riuscito a reagire. Quest'anno avrebbe potuto vincere due gare, lo vedo futuro campione del mondo"

4 dicembre

Texano lui, texano il collega: Ben Spies conosce molto bene Garrett Gerloff, tanto da averlo caldeggiato quale pilota titolare in SBK, campionato vinto dal più adulto nel 2009 e oggi affrontato dal numero 31, portacolori del team Yamaha GRT e titolato quaqle miglior Indipendente 2021.

Intervistato dal sito ufficiale della serie, il trentasettenne di Memphis ha parlato del ventiseienne di Spring, esprimendosi così: "Vedo in Garrett un grande potenziale - e lui se ne intende di corridori forti - e penso che, qualora ogni cose si trovasse nel posto perfetto, potrebbe vincere un titolo mondiale in SBK. Ha solo bisogno delle persone giuste al suo fianco".

Ben è entrato nel dettaglio: "Johhny Rea e Toprak Razgatlioglu godono di un cerchio costruito attorno a loro - ha spiegato  - per esempio, il turco ha in Kenan Sofuoglu, persona con la quale potersi confrontare. Gerloff dovrà gareggiare seguendo le proprie sensazioni, spero faccia gruppo con la squadra, facendo valere il grande talento che ha".

Errori condannati dal pubblico, ma reazione di carattere


Spies si sofferma su alcuni episodi relativi alla stagione conclusasi da poco: "Mi sento male se penso agli errori commessi da Garrett - ad un certo punto, l'americano è stato vessato dalla critica - e gli altri non l'hanno presa bene. Tutto questo ha fatto innervosire Gerloff che, frustrato dal momento, di conseguenza, ha iniziato a correre con maggiore cautela".

L'amico è stato messo nel mirino delle polemiche e Ben si è risentito: "Questo mi ha infastidito - ha ammesso - tuttavia lui sta superando bene il difficile periodo. Nei primi giri di gara è partito contenuto e poi, trovato il passo giusto, ha trovato posizioni da terzo o quarto posto".

Texas Terror è convinto del valore detenuto dal connazionale: "Ha gran talento - ha ripetuto - e penso che nel 2022 egli possa vincere almeno  un paio di gare, che avrebbero potuto essere già sue quest'anno. In due occasioni era in grado di farcela ma, per situazioni o motivi poco favorevoli, l'obiettivo gli è sfuggito dalle mani".

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi