Test Jerez SBK, Rea: “Tornare in sella è stato impegnativo a livello mentale”

Test Jerez SBK, Rea: “Tornare in sella è stato impegnativo a livello mentale”© GpAgency

Jonathan Rea e Alex Lowes possono ritenersi soddisfatti di quanto ottenuto nei recenti test svolti sul tracciato andaluso. Ecco le dichiarazioni rilasciate dai portacolori Kawasaki

Quella di Jerez è stata una tre giorni di test molto positiva per la Kawasaki, capace di piazzare Jonathan Rea e Alex Lowes nei primi due posti della classifica al termine del Day 3.

Il campione nordirlandese punta a riprendersi il trono che Toprak Razgatlioglu gli ha sottratto nel 2021 e le risposte che arrivano dalla sua "verdona" sembrano incoraggianti.

SSP600: MV Agusta schiererà Tuuli e Sofuoglu nel 2022

L'ottimismo di Rea


"È stata una due giorni davvero divertente. Avevamo pianificato il test per svolgere la prima giornata e poi prenderci un giorno di pausa per permettere ai meccanici di lavorare sulla moto", ha raccontato Johnny al termine dei test. "Siamo tornati a girare il terzo giorno. Abbiamo raccolto un sacco di buone informazioni e sono davvero contento del team, di Showa e KMC per il loro continuo lavoro che ha portato a molte novità da provare".

"Mi sono divertito tanto in sella alla moto e siamo riusciti a fare tutto quello che avevamo in programma - ha proseguito il sei volte campione del mondo - Adesso è un momento importante visto che andremo a lavorare su quanto abbiamo riscontrato in questi giorni. A gennaio, valuteremo nuovamente alcune parti nuove che abbiamo già testato. A Jerez il meteo è stato stupendo e siamo riusciti a stare per tanto tempo in pista. Devo dire che questo test è stato abbastanza impegnativo a livello mentale vista la grande mole di lavoro, soprattutto se pensiamo che non salivo in sella alla moto da diverso tempo".

Lowes: "Buone impressioni"


Soddisfatto anche Alex Lowes, reduce da un infortunio alla spalla che gli aveva impedito di disputare l'ultimo round indonesiano: "Non sono ancora al 100% dal punto di vista fisico e quindi sono abbastanza sorpreso dei tempi sul giro che sono riuscito a realizzare. Ho dato agli ingegneri tanti feedback su alcune novità, ci aspettiamo di fare degli altri passi avanti nei prossimi giorni di prove in calendario".

"È stato davvero bello poter verificare la condizione della mia spalla, ma c’è ancora tanta strada da fare. Si è trattato di un bella sessione di collaudi dopo una lunga stagione per me difficile, segnata da alcuni infortuni e senza i risultati che volevamo", ha concluso Lowes.

MotoGP, Sahara ammette: "Sostituire Brivio è stato un impegno eccessivo"

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi