SBK Estoril, Rea: "Dorna ha creato una commedia tra me e Toprak che non esiste"

SBK Estoril, Rea: "Dorna ha creato una commedia tra me e Toprak che non esiste"© GPAgency

Johnny chiarisce: "Ci siamo scritto ed è tutto ok, siamo piloti. Ho il passo dei migliori, il motore Ducati mi farà sudare"

Si è chiuso con la terza piazza il venerdì di Jonathan Rea, che può certamente sorridere. Il nordirlandese infatti non ha perso il passo dei migliori, migliorandosi costantemente, tanto da sorprendere anche sé stesso in termini di velocità.  “Ho iniziato la giornata con le gomme più dure, per pulire la pista e prendere confidenza con la moto – apre Rea – anche perché quest’anno occorre gestire con attenzione le gomme. Giro dopo giro abbiamo trovato un ottimo assetto, quindi sono soddisfatto: il passo c’è. Mi sono divertito a guidare la moto in FP2, e quando ho visto il mio tempo mi sono detto “cazzo è veloce” e poi “riproviamoci di nuovo”.
 
Manca ancora qualcosa?

“Devo solo riuscire a massimizzare il potenziale della gomma nuova nel singolo, per essere in prima fila. Quest’ultima è fondamentale, dato che c’è un rettilineo molto lungo ed i passi dei migliori sono molto simili, quindi la strategia di gara sarà molto importante”.
 
Le condizioni sono cambiate nel corso della giornata. La cosa ti ha ostacolato

“Nel pomeriggio ho dovuto fare attenzione al vento, ma sono comunque riuscito ad essere più aggressivo sui freni. L’unica mia lamentela legata alla pista è sulle curve undici e dodici, quelle dopo la chicane: ci sono davvero tanti avvallamenti, a causa dei quali è difficile guidare ed avere delle risposte chiare dalla moto”.

Rea: “Il lungo rettilineo contro Bautista sarà un problema”

Domani dovrai combattere contro una Ducati in un tracciato con un lungo rettilineo. La cosa ti preoccupa?
 
“Per certo sarà un problema, rispetto al 2019 però posso recuperare quello che perdo sul dritto con la velocità in curva. Bautista non ha mai girato con la Ducati qui, il che è uno svantaggio, ma il suo motore per certo mi farà sudare. Giriamo con tempi simili, quindi mi aspetto di lottare con lui”.
 
Ieri hai parlato con Toprak, cosa vi siete detti?
 
“Intorno a quello che è successo tra me e lui Dorna ha cercato di fare un po’ di commedia: ieri hanno messo le nostre interviste alla stessa ora, così ho volutamente tardato di qualche minuto, ma loro hanno fatto in modo che ci fosse il confronto. Abbiamo parlato del più e del meno, come abbiamo sempre fatto. Nell’intervista mi hanno fatto qualche domanda per riprendere il filone della commedia, ma io e lui ci siamo scambiati dei messaggi, ed è tutto chiaro. Siamo due piloti, che hanno avuto un incidente di gara. Se volessi essere duro avrei potuto dire che era lento e fuori dalla linea giusta, quindi avrebbe dovuto fare attenzione prima di rientrare, ma occorre capire i punti di vista altrui. L’unica cosa che rimane è che abbiamo perso entrambi punti”.
 
Pensi che il Rea attuale sia uno dei migliori o il migliore di sempre?

“E’ sempre bello pensarlo. Ho lavorato duramente durante l’inverno, e quando vieni battuto ottieni una motivazione extra. Sono fiero del mio team, dato che non possiamo trovare magicamente cavalli, ma abbiamo lavorato sui dettagli per crescere”.

SBK, Razgatlioglu: "La M1? Potrebbe piacermi, oppure no..."

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi