SBK, le pagelle di Misano: Bautista in doppietta, ma a vincere è il pubblico

SBK, le pagelle di Misano: Bautista in doppietta, ma a vincere è il pubblico© GPAgency

Alvaro e Ducati binomio pressoché imbattibile: solo Razgatlioglu su Yamaha ne ha contrastato il dominio. Johnny e la Kawasaki a podio, però la vittoria è sfuggita. Ancora nel limbo Honda e BMW, i migliori sono stati gli appassionati

Redazione

13 giugno

Quarta fermata, emozioni quadruple per la SBK marcata Emilia-Romagna. A Misano, oltre a vedere (finalmente e piacevolmente) un buon pubblico appassionato, abbiamo ammirato le gesta dei protagonisti che, dopo circa un terzo del cammino 2022, hanno segnato la strada futura. Il sentiero è colorato di Rosso, la corsia preferenziale ha il numero 19.

Alvaro Bautista - 9,5

Quando apre il gas a centro curva, si concede rischi non indifferenti. Perchè sarà pur vero che la sua Panigale V4 R sia irresistibile sul dritto e in accelerazione, ma Alvaro ruota la manetta destra nel momento in cui saggi e miti consigli suggerirebbero di attendere giusto quell'attimo in più. Lui no: spalanca e via, portando (quasi) al limite una Ducati mica facile, considerata la miglior Superbike del lotto, però meritevolmente in vetta. Per merito del numero 19. FURIA ROSSA 

Toprak Razgatlioglu - 8

Bravo a tirare fuori gli attributi mentre tutti lo davano già per spacciato, dopo aver visto la sua R1 zitta e triste arrestatasi durante Gara Uno. Peccato vero, punti persi, però il turco ha reagito nella Superpole Race, unica occasione in cui le sue gomme hanno retto dallo spegnersi del semaforo alla bandiera a scacchi. Altrimenti, grandi derapate e tempo perso. Sarà perso anche il treno che porta al secondo titolo consecutivo? BINARIO DEVIATO

Johnny Rea - 6

Sufficiente a uno capace di salire due volte su tre chance sul podio della SBK? Sì, perché lui è Mister Superbike, ovvero, il pilota che ha vinto più di tutti. E che ancora è in grado di riuscirci: nei round precedenti - Aragon, Assen ed Estoril - il nordirlandese ha piazzato la Kawasaki almeno una volta sul gradino più alto, mentre a Misano mai. Forse, caduta olandese condivisa con Razgatlioglu in Olanda, per Johnny l'Emilia-Romagna è da considerare peggior tappa sinora disputata. Sì, ma che tappa: in tanti invidiano il suo score, tuttavia il Cannibale corre solo per vincere. A DIETA FORZATA

1 di 2

Avanti
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi