SBK, Roda: “Stagione lunga, possono succedere tante cose”

SBK, Roda: “Stagione lunga, possono succedere tante cose”© GP Agency

Dopo i primi quattro round il team manager della squadra Kawasaki ha analizzato il campionato e ammesso che vuole rinnovare con Jonathan Rea

21 giugno

Aragon, Assen, Estoril e Misano hanno ospitato i primi round della Superbike 2022 che ora ha qualche settimana di pausa, prima di tornare in pista a Donington Park, e Jonathan Rea è secondo in campionato con un distacco di 36 punti dal leader Alvaro Bautista. Lo spagnolo ha fatto la differenza a Misano, ma nel box Kawasaki tutto è sotto controllo e a dirlo è il team manager Guim Roda.

I momenti buoni e difficili vissuti finora


La Ninja ha conquistato dieci podi nella stagione in corso, tutti con Rea, e Roda ha raccontato: “Abbiamo iniziato abbastanza bene. La nostra prestazione è stata buona e a inizio stagione abbiamo colto i benefici del lavoro che abbiamo svolto in inverno”. Il momento più difficile è arrivato nel secondo round: “Purtroppo ad Assen siamo caduti. Questa al momento è la principale differenza che abbiamo con Bautista che è partito anche meglio rispetto a noi”. Proprio lo spagnolo, non a caso leader, è da tenere sott’occhio: “Conosciamo le capacità di Ducati e la combinazione del peso con Bautista: devono guidare la moto soltanto in accelerazione per fare più metri degli altri”.

L'ultima rivalità affrontata a Misano


Ci sono ancora otto round da disputare e Roda ne è convinto: “È una stagione lunga, possono succedere tante cose. Rea, Bautista e Toprak hanno sempre lottato tra loro tranne che a Misano dove Ducati è stata davvero forte”. Sono tanti i fattori da prendere in considerazione: “È una questione di pista, di condizioni, quella di Misano era una pista che conoscono abbastanza bene e in cui hanno avuto una buona combinazione di gomme. Nelle prossime gare saremo più forti”.

Il commento alla stagione di Lowes


A quota ancora zero podi è Alex Lowes, che gode di piena fiducia dalla Casa di Akashi: “Alex è molto meglio di quello che la gente vede da fuori. Stiamo lavorando tanto con lui per gestire le sue aspettative dato che ha il potenziale, la velocità: si tratta di controllare la velocità oltre alla sua comprensione legata al limite della moto e al come guidarla”. Nel box il lavoro prosegue nella giusta direzione e Roda ha ammesso: È appena dietro ai primi tre e se il suo livello e la sua consistenza continueranno a crescere presto avremo Lowes lì davanti”.

Se Lowes è confermato anche per la prossima stagione, la situazione non è la stessa per Rea, ma Roda non ha dubbi: "La nostra idea è andare avanti con la situazione attuale dato che penso stia funzionando bene. Il paddock sta parlando con tutti”.

Yamaha ha "detto sì": Razgatlioglu proverà la MotoGP ad Aragon

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi