“C’è un grande sapore statunitense ora nel team!" sono le parole di Ronald Ten Kate, il patròn dell'omonimo team che schiera due piloti a stelle e strisce: PJ Jacobsen in Supersport e, da quest'anno, Nicky Hayden in Superbike. “Sono amici, ma non stanno facendo il tifo l’uno per l’altro. Chiaramente si vogliono vivere le emozioni che si provano quando si vince una gara, ma avere un pilota come PJ che attrae molta attenzione sul team è sempre buono. E se stanno facendo bene in pista e mostrano un grande potenziale vincente, è meglio. In un certo senso PJ è già un pilota senior nel team e nella classe, sta crescendo e crescendo. Siamo molto felici per quello che gli abbiamo visto fare – si è solo dimenticato di vincere!”
L’americano PJ Jacobsen si è unito alla squadra di Ten Kate all’inizio del 2016, dopo aver concluso da vice-campione la stagione precedente sempre nel mondiale Supersport, e l’aspirazione era sempre la stessa: lottare per il titolo. Alcuni errori iniziali hanno minato il totale dei suoi punti e la sua prima vittoria continua a sfuggire, ma la lotta al titolo non è ancora finita e Jacobsen è stato nuovamente un protagonista nel WorldSSP.
 
“Siamo sempre stati davanti in questa stagione, anche se purtroppo lungo la strada abbiamo incontrato vari ostacoli”, ha detto Ten Kate, intervistato da WorldSBK.com. “Non terminare alcune volte e cadere mentre si sta lottando per la vittoria non aiuta, ma è stata una stagione entusiasmante finora. Stiamo ancora aspettando la vittoria, ma sono piuttosto fiducioso che arriverà in questa stagione”.
 
Una caduta al MotorLand Aragón quando era il leader della corsa, e un incidente simile nelle difficile condizioni incontrate ad Assen lo hanno frenato, ma il passo mostrato dall’americano è costantemente veloce – e da allora Jacobsen è sempre salito regolarmente sul podio.
“All’inizio della stagione abbiamo avuto alcuni problemi con la messa a punto perché abbiamo cambiato alcune cose durante l'inverno”, ha spiegato il team manager olandese. “Ma una volta che abbiamo trovato la giusta direzione, siamo stati sempre nelle posizioni che contano. È mancata solo la costanza nei primi round; non abbiamo perso molto. Ma avremmo potuto fare più test durante l’inverno, credo”.
 
L’interesse nel team e nel pilota è alto, con l’arrivo anche del campione di MotoGP Nicky Hayden, che è stato un altro pilota in arrivo dagli Stati Uniti a inizio stagione.
 
Tutti i tre piloti Ten Kate sono stati impegnati a correre la 8 Ore di Suzuka, durante la pausa estiva, con Hayden e van der Mark in equipaggio, purtroppo ritirati dopo le prime tre ore, Jacobsen in un altro equipaggio con Aegerter e Watanase piazzatosi 18°.
 
“Con il pedigree che ha il team e con un pilota di qualità come PJ, puntiamo al titolo", conclude Ten Kate. "Non è ancora finita – solo un ritiro da parte dei piloti “verdi” ci avvicinerebbe molto di nuovo. Contiamo sulle nostre forze per vincere, ma non è ancora finita”.
 
Gli ultimi quattro round iniziano con l'appuntamento in Germania, a settembre, seguito da Magny Cours e Jerez che precedono il finale in  Qatar, con 100 punti ancora in palio nel mondiale Supersport.