Andrea Locatelli era a Misano per un test di ritorno alle competizioni, fissato per il weekend del Mugello. Il leader del mondiale Supersport parteciperà nelle vesti di "wild card" al primo round stagione dell'ELF CIV 2020, prendendo parte alla medesima categoria, la 600.

Il pilota del team Evan Bros confida molto sulla (poca ma buona) esperienza maturata con la squadra Yamaha, con la quale ha vinto a Phillip Island e con cui si presenterà in Toscana per allenarsi e divertirsi: "Sicuramente, lo spirito sarà quello - conferma il Loka - andremo in pista per ritrovare l'affiatamento nel box e riprendere il lavoro dove lo avevamo interrotto. Poi, ovviamente, faremo del nostro meglio: so che troveremo avversari forti ed esperti, che ce la metteranno tutta per vincere. Faremo la stasse cosa".

Tra l'altro, il numero 55 tornerà a correre in un tracciato che conosce molto bene: "Mi piace tantissimo il Mugello - spiega - una pista dove il pilota può fare la differenza. Proprio lì disputai la mia prima wild card: era la Moto3 del 2013. Il prossimo weekend mi presenterò con la Supersport, diversa dalla Entry Class del Motomondiale e differente anche dalla Moto2. In un certo senso per me sarà tutto nuovo, come la doppia gara tra sabato e domenica".

Doppia gara che affronterai anche nel Mondiale di categoria.

"Sì, il regolamento è stato modificato per condere ai piloti di avere più partenze ed arrivi. Infatti, ritengo che partecipare al CIV sia una cosa bella e parecchio utile. Un conto è fare i test, un altro correre; la tensione della gara, l'abitudine alla pressione, l'adrenalina, la bagarre... sono tanti gli aspetti ed i momenti che tornerò a vivere. Gli stessi che poi affronterò a Jerez ad agosto e poi a Portimao. Sì, partecipare alla Supersport tricolore è una idea davvero sensata. Gareggiare in Italia mi farà trovare pronto al Mondiale e, ovviamente, vale anche per il team".

Puccetti riparte dal CIV: Fores, Mahias e Ottl wild card a Misano