Sono lo spagnolo Mika Perez (ProDina Ircos Kawasaki) e l’inglese Tom Booth-Amos (RT Motorsports Kawasaki) i migliori al termine del venerdì di libere del primo round stagionale della Supersport 300, sul tracciato di Jerez. In cui è arrivata la squalifica del team italiano 2R Racing, per il mancato rispetto delle regole su mascherine e distanziamento sociale.

Gruppo A


Mika Perez ha fatto segnare il miglior tempo nella sessione della mattina, caratterizzata subito da una fitta nebbia, che ha accolto i rider della prima classe, al loro ingresso in pista. 

Lo spagnolo del team di Riccardo Drisaldi ha compiuto 8 giri completi fermando il cronometro sul 1’53”609 davanti al conterraneo Orradre ed all’italiano Bruno Ieraci, per il team GP Project. Perez ed Orradre gli unici sotto il 1'54", Ieraci il primo degli “umani”, ma ad oltre 7 decimi dai primi due. Gli altri italiani: Aloisi in P9, Rovelli P13, Grassia P17 (ritorno per lui nel Mondiale), Gaggi e Gennai 19° e 20°

Nella sessione del pomeriggio invece, Perez ha chiuso al terzo posto dietro ad Aloisi e Ieraci, tre piloti in meno di due decimi, con Orradre che segue ad oltre 6 decimi da Aloisi. Perez risulta comunque il migliore nel combinato del venerdì grazie al crono fatto segnare nella sessione mattutina. Sicuramente un buon biglietto da visita in vista delle FP3 di domani e soprattutto della Superpole del suo gruppo.

SBK Jerez: gli orari TV di Sky e TV8

Gruppo B


Il secondo gruppo ha trovato un cielo sgombro da nubi e nebbia all’inizio del proprio turno in pista. Da segnalare il debutto nel Mondiale del team Gradara Corse, protagonista al CIV, con Emanuele Vocino. Il miglior tempo alla fine della prima sessione lo fa segnare il brasiliano Kawakami in 1’53”907 davanti per soli 3 millesimi all’inglese Tom Booth-Amos, vecchia conoscenza della Moto3, unici due a girare sotto il 54. Mastroluca il migliore degli italiani in P3 davanti ad altri 10 piloti sul 54, da Bercot in poi tutti oltre il 54 fino ai 2’.

Nella sessione pomeridiana, Booth-Amos e Kawakami si scambiano le posizioni, con l’inglese che chiude al comando il combinato in 1’53”756; mentre Kawakami non migliora il tempo della mattina, restando comunque secondo con 53”9. Seguono Deroue, De Cancellis ed Okaya, migliore degli italiani Mastroluca in P6, Sabatucci e Coppola P8 e P9, Brianti 14°, 19° Vocino e 21° Joverno.

La classifica combinata


SSP600: MV Agusta squalificata dal Round in Australia