Sono il giapponese Kawakami ed il francese Di Sora i migliori nelle qualifiche odierne. Il pilota del team AD78 si prende la prima pole stagionale davanti ad Orradre e Ieraci nonostante la caduta, Samuel Di Sora vince una tiratissima Last Chance Race.

Superpole


Nuovo format per quanto riguarda la Superpole della classe minore. I 30 piloti più veloci delle libere si giocano la pole position nei 15 minuti a disposizione, mentre gli altri 23 si giocano gli ultimi 6 posti con la Last Chance Race.

Superpole tiratissima e grande traffico avendo 30 piloti in pista tutti insieme con i tempi che cambiano ad ogni giro grazie al gioco delle scie. Tempi comunque sempre sul 52-53. Chi ha fatto meglio di tutti è il pilota brasiliano Meiton Kawakami che segna un gran tempo (1’52”265) prima di chiudere il suo turno con una rovinosa caduta alla curva 12 che causa la bandiera rossa. Il pilota brasiliano resta a terra e viene portato via in barella per un dolore alla gamba sinistra. Alcuni piloti rientrano subito in pit lane, altri continuano rientrando il giro successivo.

Qualifica sospesa e piloti ai box in attesa della ripartenza mentre i marshall ripuliscono la pista dalla ghiaia lasciata in pista dalla caduta di Kawakami. La pit lane riapre quando mancano 3’20 alla fine del turno, 1 giro lanciato a disposizione per tutti per cercare di migliorarsi e provare a togliere la pole a Kawakami.

Alla curva 5 va fuori anche il team mate di Kawakami, il brasiliano Macan mentre gli altri 28 piloti sono intenti a migliorarsi.

Il 52”265 fatto segnare da Kawakami è inattaccabile e gli permette di mantenere la pole davanti allo spagnolo orradre ed al nostro Bruno Ieraci. Ana Carrasco passa quarta davanti a De Cancellis, Perez, Brianti, Sofuoglu, Kalinin ed Okaya a chiudere la top 10.

Gli altri italiani: Sabatucci 14°, Grassia 19°, 25° Aloisi, 27° Rovelli, 29° e 30° Mastroluca e Coppola, rientrante quest’anno in Supersport 300 al pari di Paolo Grassia.

Last Chance Race


I 22 piloti più “lenti” della classifica combinata si sfidano sulla lunghezza dei 10 giri di gara per trovare gli ultimi 6 piloti da aggiungere ai 30 qualificati di diritto dopo le tre sessioni di libere per gara-1 di oggi pomeriggio.

Gara tiratissima e corsa con il coltello tra i denti dai 22 piloti rimasti a giocarsi gli ultimi 6 posti sulla griglia di partenza. La gara sembrava una questione tra Stange e Jahing ma le gare della 300 sono sempre caotiche e ricche di colpi di scena fino alla fine.

Alla fine è Samuel Di Sora a prendersi la prima posizione davanti a Jahnig e Bercot, Stange chiude in P4 davanti a Meuffels e l’altro francese De La Vega a chiudere la lista dei 6 qualificati. Gli italiani: Gennai e Vocino rispettivamente P9 e P10, Ioverno e Gaggi 12° e 13°, non parteciperanno alle due gare del weekend.

Ritirati Bramich al penultimo giro, Cervenka e Matern al terzo giro e Blin dopo appena due giri di gara.