Un gradito ritorno, almeno per questo round in Portogallo, nel Mondiale Supersport. E’ la spagnola Maria Herrera che, dopo l’esperienza dello scorso anno chiusa con 5 punti in 8 gare, torna per sostituire l’infortunato Hikari Okubo sulla Honda del team Dynavolt PTR.

Ad Okubo, infatti, non è stato dato l’ok per correre le due gare in Portogallo e gli è stato consigliato di riposarsi almeno per questo round e recuperare al meglio la forma fisica prima di affrontare la seconda parte di stagione da fine agosto in poi, nonostante in un primo momento fosse stato dichiarato fit per disputare il weekend di gara.

La Herrera affiancherà dunque il tedesco Patrick Hobelsberger, reduce da un doppio zero a Jerez, solo per questo round prima di rientrare nel paddock della MotoE dove è attualmente impegnata.

Maria Herrera: “Farò del mio meglio”


Per prima cosa voglio ringraziare il team Dynavolt Honda per questa opportunità - ha detto la 23enne spagnola - Penso che possiamo fare bene insieme questo weekend lavorando bene. L’obiettivo è quello di adattarmi in fretta alla moto perchè non avevo mai guidato una Honda prima d’ora ma il team ha potenziale

Simon Buckmaster: “Hikari è stato dichiarato unfit”


Il pilota stava bene dopo Jerez - ha esordito Simon Buckmaster, manager della squadra - quando siamo arrivati qui lunedì sera già non si sentiva bene e l’abbiamo riportato in ospedale per un’altra radiografia, questa volta facciale. E’ stata trovata una frattura alla lamina papiracea dell’osso etmoide, ciò significa che una eventuale nuova caduta sarebbe stata un grosso rischio. Lo staff medico l’ha dichiarato unfit per il weekend".

"Non vedevamo l’ora di correre di nuovo e lasciarci alle spalle una Jerez deludente ma ciò non è avvenuto, perciò dovevamo cercare un pilota sostitutivo. E la scelta è ricaduta su Maria Herrera, che ha corso in Moto3, MotoE e World Supersport lo scorso anno quindi arriva qui all’ultimo. Non sappiamo cosa aspettarci da lei ma non vediamo l’ora di lavorare con lei, fare il miglior lavoro possibile e magari andare a punti”.

Honda CBR600RR: ecco la nuova arma per il mondiale SS600