Andrea Locatelli non si ferma più. Il bergamasco regala un’altra gioia, la settima in questo inizio di stagione, al team Evan Bros e prosegue la sua marcia verso il titolo mondiale della Supersport. Sul podio con lui anche Cluzel e Raffaele De Rosa per la MV.

In partenza Mahias scatta bene ma a Locatelli bastano poche curve per portarsi in testa alla gara e non mollare la leadership fino alla bandiera a scacchi. Dietro di loro Oettl e Cluzel, più staccati Vinales e De Rosa. Il campano di MV è un po’ il Davies della Supersport, costretto sempre a rimontare il gruppo. 

Vanno fuori subito Soomer, alla curva 5, ed il nostro Axel Bassani alla variante che immette sul lungo rettilineo. 

Nei primi 5 giri di gara Locatelli non riesce a scappare tanto che Mahias gli rimane incollato ma non riesce a trovare lo spunto per passarlo, la sua Kawasaki è la più lenta del gruppo di testa. Dietro De Rosa passa Vinales e si lancia all’inseguimento di Oettl e Cluzel. 

Più dietro c’è un gruppetto interessante con Odendaal, Perolari, Gonzalez e Oncu che se le danno per gli ultimi posti della top 10 seguiti da un altro gruppo tutt’altro che tranquillo con Webb, Sebestyen e Fuligni con Valtulini un pelo più staccato. 

Il lungo rettilineo è la chimera dei piloti Kawasaki nei confronti di Yamaha e della MV di De Rosa. Le due moto del team Puccetti, nonostante la scia, sono le più lente del gruppo di testa. 

Mentre Mahias, Cluzel ed Oettl con De Rosa in recupero se le danno di santa ragione, Locatelli stampa un paio di giri veloci e prende quel margine necessario per mettersi in tranquillità e controllare la gara.

Cluzel di motore passa Mahias senza che il francese di Puccetti riesca a replicare. Lucas ha però il merito di rimanere attaccato al connazionale soprattutto nella prima parte del tracciato salvo poi perdere tutto nell’accelerazione. 

De Rosa passa Oettl alla staccata di curva 1 per mettersi all’inseguimento della coppia francese. Vinales gira solitario in quinta posizione con 8” di vantaggio sul gruppo formato da Odendaal, Perolari, Gonzalez, Oncu con Webb, Sebestyen e Fuligni che si sono ricongiunti grazie alle scaramucce davanti a loro. 

De Rosa alla staccata di curva 1 passa anche Mahias buttandosi all’inseguimento di Cluzel negli ultimi due giri di una gara dominata da Locatelli fin dal primo giro.

Ultimo giro


De Rosa le prova tutte per prendere anche il secondo posto a Cluzel e portare una bella doppietta all’Italia ma non riesce per “colpa” del motore del francese.

Locatelli vince la gara davanti a Cluzel e De Rosa estendendo la sua leadership in campionato. Podio meritatissimo per De Rosa e grande stizza per Mahias, autore di una gara comunque positiva rispetto alla prova di ieri. Poi Oettl, Vinales, Perolari, Odendaal, Webb, Gonzalez i primi 10.

Seguono Sebestyen, Fuligni, Oncu, Ruiz Carranda e Okubo a chiudere la zona punti. Valtulini 16°, Montella 21° ed ultimo.

SSP600 Aragon, Gara 1: cappotto Locatelli, De Rosa sfiora il podio

La top 6


1.  Andrea Locatelli (Bardahl Evan Bros)

2. Jules Cluzel (GMT94) +2.190

3. Raffaele De Rosa (MV Agusta RC) + 2.479

4. Lucas Mahias (Puccetti Racing) + 2.925

5. Philipp Oettl (Puccetti Racing) + 7.393

6. Isaac Vinales (Kallio Racing) + 9.981

SBK Aragon: Rea domina la Superpole Race