Non solo Superbike ad Aragon. Le due classi Supersport - 600 e 300 - hanno disputato i rispettivi turni di prove libere, nei quali sono emersi valori in linea con le aspettative, considerando i round già consumati. Andrea Locatelli ha - nuovamente - svettato in 1'54”095, siglato con la sua Yamaha R6 Evan Bros ed un secondo italiano è stato bravo: Raffaele De Rosa e la MV Agusta hanno il passo per andare ancora a podio.

Dopo il terzo tempo di Isaac Vinales - uno dei piloti caduti stamattina, come De Rosa e Mahias - c’è Jules Cluzel, francese che insegue in classifica il Loka. Tra i due ci sono quattro posizioni ed un gap di un secondo abbondante.

Nei migliori dieci pure Philipp Oettl e Steven Odendaal, due papabili protagonisti, e la promessa Manuel Gonzalez, titolato 300. Più in basso, Can Oncu, Federico Fuligni, Axel Bassani, Montella e Manfredi. Chiude Hendra Pratama, per una classifica di venticinque nomi.

Due leader nella Supersport 300 di Teruel


Gruppo A e Gruppo B, quanti piloti! Nel primo, è l’ucraino Nick Kalinin il più lesto della ciurma, grazie al riferimento di 2'06”813. il leader Buis - in doppietta meno di sette giorni fa - è quarto, appena prima del nostro Bruno Ieraci. In top ten anche altri azzurri: Aloisi e Gennai, mentre Filippo Rovelli ha un buon dodicesimo crono.

 Gruppo B comandato da Scott Deroue, olandese che si gioca (anche quest’anno) il titolo. Il suo 2'05”899 è rimasto imbattuto sino al pomeriggio. Appena dopo, lo spagnolo Iglesias Bravo, un cognome, un programma.

Terzo è Thomas Brianti, attualmente l’italiano più attento ed in forma della categoria. Per lui il podio di domenica scorsa, risultato che può bissare nel weeken di Teruel. Bahattin Sofuoglu è il nipote di Kenan, turco che segue con attenzione i propri piloti. Per il giovane ottomano, sesto tempo.

Restando nei quindici, tredicesimo è Alfonso Coppola, appena dopo l’esordiente Philip Salac, proveniente dalla Moto3.

 Valentino Rossi raffigurato anche in fumetto