Quest’anno sono tempi duri veramente per tutti i piloti del mondiale Supersport, che si sono ritrovati un rookie capace di dare nuova linfa alla categoria e di alzare notevolmente l’asticella, mettendo in riga tutti gli avversari. Stiamo parlando di Andrea Locatelli, che oggi in tarda mattinata, sulla pista di Aragon, dopo aver siglato il primo tempo in FP3, ha “colpito” ancora, siglando la quinta pole position della stagione e assicurandosi la partenza davanti a tutti anche nel round di Teruel.

Locatelli ritocca il suo record


Al terzo giro delle qualifiche oggi il portacolori della Yamaha Evan Bros ha fermato il cronometro sul’1’53.003, migliorando il record sul giro messo a segno da lui stesso appena la settimana scorsa nel Round di Aragon. A 119 millesimi da lui si piazza Jules Cluzel su Yamaha GMT94 che precede Isaac Viñales: il portacolori del team Kallio Racing è alla sua miglior qualifica nella classe intermedia.

Raffaele de Rosa con la MV Agusta Reparto Corse partirà dalla quarta casella dopo aver fatto vedere di poter contare su un bel passo. Dietro di lui Lucas Mahias sulla Kawasaki Puccetti Racing e il compagno di box del francese, Philipp Oettl; il tedesco, autore del secondo tempo in FP3, è caduto alla curva 10 nelle fasi finali del turno.

La top 10 e gli altri italiani


L’estone Hannes Soomer, alfiere Kallio Racing, prenderà il via dalla settima casella davanti al campione del mondo della Supersport 300 Manuel Gonzalez, portacolori del Team Kawasaki ParkinGO, che eguaglia la sua miglior prestazione in qualifica in questo 2020. Steven Odendaal dell’EAB Ten Kate Racing e Peter Sebestyen del team Yamaha Toth completano la top ten.

Per quanto riguarda gli altri italiani, Federico Fuligni con la seconda MV Agusta ha siglato il quattordicesimo tempo, Luigi Montella su Yamaha DK Motorsport è diciannoversimo davati a Kevin Manfredi, portacolori del team Altogoo Racing. Ventitreesimo crono per Axel Bassani, su Yamaha Soradis Motoxracing. Ventiduesimo crono per Maria Herrara.

SBK Teruel Superpole: Re Jonathan torna all'attacco, con il record