Con Jules Cluzel infortunato e fuori dai giochi, è Lucas Mahias il primo contendente al titolo di Andrea Locatelli. Sebbene il francese del team Puccetti abbia speranze di farcela ridotte all’osso - il bergamasco Evan Bros potrebbe aggiudicarsi il campionato Supersport già nel weekend catalano - il numero 44 inizia a Barcellona con il miglior tempo, 1'45”682 e Ninja ZX-6R in alto nella classifica di classe.

Se c’è un pilota che corre in casa, è Isaac Vinales. Il cugino di Maverick - come il portacolori Yamaha MotoGP - è catalano, di Barcellona, e scorrazzava da queste parti prima di intraprendere il professionismo a due ruote. Per lui, secondo tempo. Phillip Oettl ha gareggiato al Montmelò quando figurava tra gli iscritti del Motomondiale, perciò, il figlio di Peter ben conosce linee, buche, esigenze. Terzo tempo per il tedesco.

Ed ecco il Loka, quarto. Quasi tre decimi di gap dal leader del mondiale alla vetta, ma tanta tranquillità nel box: Andrea prepara le due gare e lo staff giallo blu è pronto alla festa. Avversari permettendo.

Odendaal - ex Moto2 e già visto su questa pista, Perolari e De Rosa: Raffaele torna dopo l’incidente di Teruel, in cui ha pagato l’errore proprio Cluzel. Il napoletano e la MV Agusta partono con il settimo crono, prima del rientrante Smith, in sostituzione dello stesso Cluzel. Kevin Manfredi ed Axel Bassani, due italiani che competono per la classifica europea. Per loro dodicesima e quindicesima posizione, mentre Federico Fuligni è diciannovesimo, Lugi Montella venticinquesimo.

La classifica


SBK Catalunya, FP1: Razgatlioglu conduce il trio Yamaha a Barcellona