Ci voleva un cataclisma per interrompere la striscia di successi di Andrea Locatelli, giunto a Barcellona da dominatore incontrastato, a punteggio pieno. E il cataclisma è arrivato puntuale come un orologio a otto giri dalla conclusione della gara che, prima di diventare la prima affermazione in carriera del diciassettenne Andy Verdoia (bLU cRU WorldSSP by MS Racing), sembrava comunque destinata a essere la gara della 600 più combattuta di questa stagione.

Considerando che il bergamasco del team BARDAHL Evan Bros già in avvio di gara si era ritrovato a raddrizzare una brutta partenza, che lo aveva relegato in quarta piazza, alle spalle di Lucas Mahias, Philipp Oettl (Kawasaki Puccetti Racing) e Corentin Perolari (GMT94 Yamaha).

La gara


Se in Superbike avevamo parlato di finale di infuocato, anche in funzione dei 28° C di temperatura dell'aria e 42°C dell'asfalto, dopo metà gara della SSP600 ecco che dal nulla sono comparse le prime timide gocce di pioggia, che hanno favorito il rientro di Lucas Mahias e Kyle Smith (GMT94 Yamaha).

Gocce che nel giro di un niente si sono trasformate in un tremendo acquazzone che ha spinto i piloti nelle retrovie a rientrare ai box per il cambio gomme, mentre Mahias, Smith e Locatelli avanzavano tentennando sotto al diluvio, insieme all'inosservato Verdoia.

Con la pioggia che aumentava d'intensità, diventando un muro invalicabile, i primi tre sono stati gli ultimi a rientrare ai box prima dell'esposizione della bandiera rossa, che ha decretato la fine della gara, mentre Andy resisteva stoico con le slick.

Una scelta che ha premiato il caparbio diciassettenne, che a sorpresa si è trovato ad essere il più giovane vincitore della storia della Supersport, ritrovandosi al vertice della classifica, davanti a Mahias, Smith e Locatelli, quarto ai piedi del podio.

Quinta piazza per Kevin Manfredi (Altogoo Racing Team), che ha preceduto Steven Odendaal (EAB Ten Kate Racing) e Manuel Gonzalez (Kawasaki ParkinGO Team). Completano la Top 10 di questa incredibile gara Phillip Oettl, Miquel Pons (Dynavolt Honda) e Axel Bassani (Soradis Yamaha Motoxracing)

La classifica


SBK Catalunya, Gara 1: Rea vince in scioltezza davanti alle Ducati