Sapendo di essersela cavata a buon mercato, Can Oncu posa fiero di fronte al relitto del veicolo che lo ha visto coinvolto in un incidente che avrebbe potuto registrare esiti peggiori. Solo qualche ferita al braccio destro e (forse) un leggero spavento per il portacolori del team Kawasaki Puccetti.

Per fortuna, aggiugiamo noi. Osservareil rottame del grosso furgone bianco, senza sapere se e qualcuno ne abbia riportato conseguenze gravi, fa venire i brividi. Invece, carrozziere a parte da chiamare - anche se sarebbe più indicato un rottamaio - "Gianongiu" sta bene e presto tornerà in sella.

Presto, quando? "Settimana prossima" precisa Manuel, che ben conosce le doti di coraggio appartenenti ai rappresentanti ottomani. Era così Kenan Sofuoglu, Toprak Razgatlioglu molto gli somiglia, Can Oncu è della medesima pasta. E via, a gas aperto. 

Il Ricardo Tormo chiude per Covid sino al 21 gennaio