Prosegue la campagna acquisti del neonato Vinales Racing Team, che da oggi si tinge in parte anche di azzurro. A difendere i colori della squadra di proprietà di Angel Vinales (padre di Maverick) nel mondiale Supersport 300 infatti, oltre al già annunciato Dean Berta Vinales (cugino del pilota Yamaha), ci sarà anche Kevin Sabatucci.

Per il giovane pilota ascolano si tratta di un ritorno in Yamaha, dopo l’esperienza dell’anno scorso con le Kawasaki del team GP Project, e soprattutto di un dolce finale della lunga telenovela legata al suo futuro: dopo il divorzio dal team italiano Kevin ha infatti avuto a disposizione un lasso di tempo risicato per trovare un’altra sistemazione, che per fortuna è arrivata.

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ? Kevin Sabatucci?? (@kevinsabatucci85)

Il papà di Vinales sceglie un pilota italiano: dalla Sardegna, Michele Cuccu

Sabatucci: “Non voglio pormi obiettivi”


Come detto può ora sorridere Sabatucci, che nel suo palmares può già vantare una vittoria in categoria, ottenuta nel 2019 a Donington Park. “Sono felice di far parte di questo nuovo ed interessante progetto – racconta il numero 85 – e non vedo l’ora di iniziare. Non voglio pormi particolari obiettivi prima di scendere in pista: la cosa più importante ora è restare calmo e continuare ad allenarmi duramente, per arrivare davvero pronto al primo appuntamento stagionale”.

Sabatucci porta in dote velocità e talento, ma anche quel pizzico di esperienza necessaria, come conferma con soddisfazione Angel Vinales, patron del team spagnolo.

“Abbiamo bisogno che all’interno della squadra vi sia un pilota che conosca la categoria, per poterci adattare più facilmente, e lo abbiamo trovato. Kevin è un vincente, nonché un pilota serio e lavoratore: spero che il team possa aiutarlo a mettere in pista tutto il suo talento. Non voglio mettergli pressione - conclude Vinales - ma lo voglio vedere spesso sul podio”.

SSP300, Carrasco: “Intervento riuscito. Sarò al 100% all'inizio della stagione