Sin dai giorni successivi alla fine della scorsa stagione si è parlato di crisi per il mondiale Supersport, con pochi iscritti ed altrettanto limitati margini di crescita, tanto che per il 2022 è già pronta una rivoluzione regolamentare che consentirà l’ingresso a moto di cilindrata superiore. Tutto questo però viene brutalmente smentito dai numeri, in particolare da quello degli iscritti per la stagione 2021. Sono ben 29 infatti i piloti pronti a presentarsi ai nastri di partenza, un numero che lascia poco spazio alle interpretazioni.

Nomi altisonanti


Non si può nemmeno dire che tra questi 29 piloti non vi siano nomi importanti, vista la presenza di vari corridori con un passato in Moto2 o in Superbike. Nella prima categoria rientrano ad esempio Steven Odendaal, nuovo acquisto del team Evan Bros. campione in carica, Jules Cluzel, confermato da GMT94 e Dominique Aegerter, in forza al team Ten Kate nonché probabilmente la novità più interessante della stagione.

Chi invece può vantare un passato in Superbike (oltre al già citato Cluzel) è Randy Krummenacher, campione nel 2019 e tornato in categoria come portacolori del team EAB, oppure Michel Fabrizio, il cui ritorno alle corse ha senza dubbio alimentato tanta curiosità sia nei tifosi che negli addetti ai lavori. Impossibile poi non citare Federico Caricasulo, reduce dalla sua prima stagione nella classe regina nonché vice campione di categoria nel 2019. Insomma, i nomi non mancano.

Piloti esperti e giovani rampanti: l’Italia c’è!


Tra i tanti nomi presenti nella entry list spiccano (oltre al già citato Caricasulo) diversi azzurri, con storie molto diversificate. In termini di esperienza il più quotato è senza dubbio Raffaele De Rosa, che dopo tre stagioni in MV ha deciso di iniziare una nuova avventura in sella alla Kawasaki del team Orelac, partendo certamente tra i favoriti per le prime posizioni.

Potranno contare sulle gare già disputate in categoria anche Federico Fuligni, passato al team VFT, Luigi Montella (Chiodo Moto Racing) e soprattutto Kevin Manfredi, confermato dal team Altogo nonché campione in carica del WorldSSP Challenge, ossia il campionato europeo che si disputa all’interno della categoria.

Stagione di debutto invece per Luca Bernardi, ai nastri di partenza con il team CM Racing: il sammarinese arriva sul palcoscenico mondiale da campione italiano di categoria, e certamente sarà uno dei debuttati da tenere sotto osservazioni. Attesi da tante novità anche Davide Pizzoli e Leonardi Taccini, anch’essi debuttanti dopo le esperienze in Moto3.  

SSP600, Kevin Manfredi: “Obiettivo riconfermarmi campione europeo”