La mattinata delle derivate di serie si completa con il primo turno della Supersport, in pista al Motorland in condizione di sole caldo e tracciato asciutto. Però, il pilota in vetta alla lista dei cronologici è il finlandese Niki Tuuli, gelido nordico negli atteggiamenti, caldissimo in sella alla sua MV Agusta.

Con la F3 del team Reparto Corse, ecco il tempo di 1'54"394, stampato con una guida al limite in tutte le curve del Motorland. Ha provato, Steven Odendaal, a copiarne il passo, ma non ce l'ha fatta, seppur di poco: il sudafricano Evan Bros piazza la Yamaha R6 a soli 73 millesimi.

Terza moto diversa in altrettanta posizione: la Kawasaki Puccetti è ben condotta dal tedesco Phillip Oettl, miglior Ninja stamani. Niente male pure Raffaele De Rosa, decimo, anche se l'italiano più lesto é Federico Caricasulo, fresco vincitore nel Campionato Italiano Velocità. Dominque Aegerter debutta con un sesto posto, a precedere lo svedese Bergman e lo spagnolo Alcoba.

Contingente italico in forma al Motorland


Oltre al Carica e Raf, sono stati bravi Davide Pizzoli, Federico Fuligni e Luca Bernardi, tutti entri posizioni da punti iridati. Kevin Manfredi è il più lesto tra gli iscritti alla serie europea, seguono Luigi Montella ed il ritorno di Michel Fabrizio, il maggiormente esperto dello schieramento.

Leonardo Taccini, rookie assoluto, si trova in basso, ma ha il potenziale per risalire presto la china. Niente riferimenti per Randy Krummenacher, tornato al Mondiale dopo la "fuga" 2020, nella quale ha corso solo a Phillip Island con la MV Agusta. Il titolato 2019 è fuori dal 107& utile previsto.

La classifica delle Libere 1


Razgatlioglu fa sua la FP1 SBK di Aragòn