Tra le grandi protagoniste di quest'anno nella Women's European Cup, Isis Carreno si è messa in mostra sia al Mugello, sia soprattutto a Misano, sfiorando il podio per una manciata di millesimi. Proprio sul circuito intitolato a Marco Simoncelli la giovane cilena esordirà nel mondiale Supersport 300 nel weekend dell'11-13 giugno in sella alla Kawasaki del team GP3 Pasama, diventando così la prima ragazza latinoamericana a prendere parte ad una gara del campionato del mondo.

Sarà una grande opportunità per la Carreno, che dopo alcuni trascorsi in Spagna e numerosi titoli in Sud America, si sta dimostrando altamente competitiva anche in un contesto di alto livello quale l'europeo femminile e potrà prendere le misure del mondiale in vista di un possibile approdo a tempo pieno nel 2022.

SSP600 Estoril, Gara 2: primo centro in Supersport per Aegerter

Isis Carreno: "E' stato un percorso molto lungo"


La ragazza cilena si è detta orgogliosa per questa grande opportunità: "E' stato un pecorso molto lungo ed uno sforzo enorme da parte mia, ma anche da parte del team, dei miei sponsor e della mia famiglia. Questa opportunità è un passo importante di un progetto a lungo termine e darò il massimo in vista del 2022".

Le parole del team manager


Il team manager del team GP3 Pasama, Antonio D'Angelo, non ha nascosto il proprio entusiasmo: “Siamo molto felici di essere entrati nel mondiale come team latinoamericano, ma lo siamo soprattutto per Isis, che diventerà la prima donna sudamericana a correre una tappa del mondiale e scriverà quindi un pezzo di storia. Stiamo anche lavorando duramente per poter partecipare a tutto il campionato con lei nel 2022”.

Red Bull Rookies Cup: Furusato e Munoz trionfano al Mugello