In una gara interotta da bandiera rossa e poi ripresa per soli 12 passaggi, è avvenuto un equivoco. Steven Odendaal si trovava al comando, ma è uscito di pista più volte, toccando la parte verde oltre i cordoli biancorossi. La Direzione Gara ha fatto segnalare la propria decisione.

Il pilota del team Evan Bros avrebbe dovuto effettuare il Long Lap Penalty, ma non l'ha fatto. Anzi, il numero 4 è rimasto in carena, sino alla bandiera a scacchi. Convinto di aver battuto tutti, ha pure esultato. Peccato che, poco dopo, gli sia arrivata una seconda sanzione.

Tre secondi da scontare e, anziché vincere, discesa al quinto posto. Ne hanno approfittato gli altri, ovvero i primi quattro. Dominique Aegerter, che chiude il weekend Supersport in doppietta. Luca Bernardi, grandioso al secondo posto, nuovamenete. Jules Cluzel, ancora sul terzo gradino del podio. Appena sotto, lo spagnolo Manuel Gonzalez.

Gli italiani a Misano


Raffaele De Rosa è giunto settimo, con la Kawasaki, la miglior Ninja all'arrivo è la ZX-6R di Philipp Oettl. Federico Caricasulo, Massimo Roccoli, Matteo Patacca e Luca Ottaviani entrano in zona punti, nella difficile mischia di classe. Meno fortuna per gli altri.

Davide Stirpe, Armando Pontone, Davide Pizzoli, Leonardo Taccini, Federico Fuligni hanno visto il traguardo, tuttavia senza muovere le proprie classifiche. Michel Fabrizio e Luigi Montella non hanno concluso la manche domenicale. La Supersport non andrà a Donington, la rivedremo ad Assen.

La classifica di Gara 2


SBK Misano: Razgatlioglu ferma Rinaldi e vince Gara 2