SSP600: per Niki Tuuli ed MV Agusta occorre ripartire da zero

SSP600: per Niki Tuuli ed MV Agusta occorre ripartire da zero© GPAgency

L'inizio di stagione del finlandese in sella alla F3 è stato a dir poco disastroso, con una velocità che non si è mai trasformata in buoni risultati. La lunga pausa prima di Assen potrebbe quindi essere un bene per lui

Alla vigilia della stagione 2021 del mondiale Supersport, sembrava che Niki Tuuli e la MV Agusta F3 potessero essere una coppia vincente, in grado di lottare seriamente per la vittoria in ogni gara e per la conquista del titolo, tenendo testa alle numerose Yamaha R6 che ormai da qualche anno dominano la griglia della 600.

Dopo l'incidente di Aragòn avvenuto mentre il finlandese era in piena lotta per la prima posizione con Jules Cluzel, però, qualcosa è cambiato e il numero 66 non è più riuscito ad inserirsi nelle posizioni che contano a causa di numerose cadute ed alcuni problemi tecnici sulla moto italiana che hanno fortemente condizionato sia la tappa di Estoril, sia quella di Misano dello scorso fine settimana.

SSP600 Misano, Bernardi si conferma: “Riesco a stare coi primi del Mondiale”

Occorre un reset totale


Questi primi tre round hanno quindi dato un responso disastroso dal punto di vista della classifica, con Tuuli che si trova addirittura in quattordicesima posizione con appena venti punti all'attivo, nonostante la velocità del pilota finlandese non si possa mettere in discussione.

Occorre un vero e proprio “reset” da parte di Niki e della squadra, per poter tornare a competere al vertice come accaduto nel primo round fino al momento della caduta riacquisendo fiducia reciproca e, soprattutto, ritrovando quella costanza di rendimento che era diventata il punto di forza del finlandese fino allo scorso anno, in cui è diventato vicecampione europeo Moto2 nel contesto del CEV.

Nel caso di Tuuli, una lunga pausa come quella che dovranno fare i piloti della Supersport prima del prossimo round (in programma ad Assen nel weekend del 23-25 luglio) può essere utile per ripartire da zero, ricominciando il proprio mondiale dalla tappa olandese.

SSP300, Ana Carrasco: il ritorno della Pink Warrior

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi