Finisce con Adrian Huertas in pole position l’ultima Superpole stagionale della Supersport 300. Per lo spagnolo è una giornata decisiva, che può dargli la corona di campione 2021. Turno subito fermato con bandiera rossa per “safety reasons”, ovvero il delegato FIM a gran voce in pit lane a fare la “ramanzina” a tutti i piloti sui comportamenti da tenere durante il turno. 

Dopo un minuto di pit lane chiusa, il turno riparte con 16 minuti circa a disposizione per i piloti per trovare il tempo. La qualifica diventa poi un festival di giri cancellati: ne fanno le spese Gimbert, Gennai, Offer, Bijman, lo stesso Huertas, Di Sora, Garcia, Booth-Amos, Duarte, Geiger, Ieraci, Alonso, Zanca e per ultimo Sabatucci.

Adrian Huertas firma quindi l’ultima Superpole con il tempo di 1’55”466 davanti al connazionale Iglesias e Bahattin Sofuoglu a chiudere la prima fila. Seconda fila con Ton Kawakami e le altre due Kawasaki MTM di Buis ed Okaya.

Terza fila con Konig, Meikon Kawakami e Steeman, Coppola chiude la top 10 ed è il migliore degli italiani. Seguono Meuffels, Geiger, Booth-Amos, Markarian e Sabatucci quindicesimo.

Classifica della Superpole


SSP300 Portimao: Booth-Amos firma il venerdì di libere