Attenzione a questo ragazzino, perché nella Supersport 300 ha viaggiato spedito come un treno e promette di essere competitivo anche con la 600: Jeffrey Buis può finalmente compiere il salto di categoria, grazie alla proficua collaborazione tra il G.A.P. MotoZoo Racing by Puccetti e Kawasaki.

Iridato 2020 - e quindi uscente, dato che l'attuale titolato è lo spagnolo Adrian Huertas - proprio difendendo i colori della Casa di Akashi, il diciannovenne olandese salterà in sella alla Ninja ZX-6R della formazione capitanata da Fabio Uccelli, che schiererà il visto biondino nella tappa Mondiale di San Juan de Villicum.

In Argentina vedremo all'opera un nuovo tulipano, pronto a sbocciare tra avversari più adulti. Dalla sua parte ci sarà la spinta di una squadra molto motivata: "Siamo felici di affrontare la tappa Argentina con il giovane Jeffrey Buis - la soddisfazione del manager brianzolo - perché parliamo di un pilota velocissimo, che ha dimostrato di saper viaggiare forte nella Supersport 300. In quella classe ha vinto il campionato, collezionando quattro successi e salendo sul podio nella metà delle corse disputate".

Dall'esperienza di Fabrizio alla freschezza di Buis


Il G.A.P. MotoZoo Racing by Puccetti ha sede a Merate, giusto mezzo passo dal lago di Lecco e anche meno dall'Autodromo di Monza. Da quelle parti si respira aria salubre, certo, ma anche di competizioni. Sane, come lo spirito di Fabio Uccelli: "Sappiamo che in Argentina non sarà facile - le sue parole - però daremo il meglio per ben figurare".

L'obiettivo della suadra che ha condiviso il ritorno in pista Michel Fabrizio è importante: "Desideriamo concludere la prima stagione vissuta nel Campionato del Mondo Supersport con ottime prestazioni. Pensiamo davvero che Jeffrey Buis possa darci una mano nel concretizzare il nostro traguardo".

Ecco di nuovo il Marc Marquez che preoccupa gli avversari in MotoGP