SSP, il 2022 dalle classifiche separate è necessario o rischioso?

SSP, il 2022 dalle classifiche separate è necessario o rischioso?© GPAgency

La bozza ufficiale di quello che sarà il futuro della classe di mezzo non è ancora uscita, ma si parla di 600 quattro cilindri e nuove arrivate inserite in graduatorie distinte. Buona idea o troppo complicata da spiegare?

12 ottobre 2021

La foto di copertina sintetizza esaustivamente il concetto Supersport attuale: le Yamaha R6 dominano e costituiscono la flotta più nutrita della griglia, Kawasaki si difende, schierando poche Ninja, MV Agusta fa quel che può, mettendosi in luce con Nikki Tuuli.

Questo è un quadra prossimo allo stravolgimento, ma sarà davvero come si dice? L'arrivo di Ducati 955 V2, della tre cilindri varesina da 800 e l'innesto di Triumph tricilindriche da 765 centimetri cubi ribalterà gli ordini di arrivo? Per ottimizzare costi, rapporto spazio fratto tempo e nell'obiettivo di fruire su dati attendibili, Dorna e FIM hanno la seguente idea.

Una classe di m

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi